Flashmob di Fratelli d’Italia contro il Reddito di cittadinanza

·1 minuto per la lettura
featured 1541060
featured 1541060

Roma, 18 nov. (askanews) – Flashmob di Fratelli d’Italia contro il Reddito di Cittadinanza davanti Montecitorio. “Fratelli d Italia – ha spiegato il presidente dei deputati di FdI Francesco Lollobrigida -, è l’unica forza politica che non ha votato né per il reddito di cittadinanza né per il suo rifinanziamento. Quest’anno verranno aumentati ancora gli stanziamenti per questo strumento che si è dimostrato inutile e dannoso. Inutile perché non è riuscito nelle politiche attive del lavoro a risolvere il problema che si poneva (di risolvere NdR) quando è stato ideato. Dannoso perché i cittadini che vanno a lavorare tutte le mattine vedono gli sperperi collegati al reddito di cittadinanza”.

“Solo qualche ora fa – ha sottolineato il capogruppo di FdI alla Camera – si sono scoperti 9mila rumeni mai arrivati in Italia percepivano il reddito di cittadinanza. Sono centinaia di milioni quelli che sono stati utilizzati e percepiti indebitamente. C’è una cura per la povertà: la cura si chiama lavoro. Fratelli d’Italia chiede di sostenere le imprese italiane che chiedono e danno lavoro, che si dia la possibilità di trovare lavoro a quei tanti italiani in difficoltà che devono avere un’occasione nella vita per realizzarsi e poter contribuire alla crescita della nostra nazione”.

“E’ evidente – ha proseguito Lollobrigida – che d’altra parte bisogna sostenere chi non ce la fa, chi non può lavorare, come i disabili, le persone che davvero non possono lavorare. Ma paradossalmente in questa nazione c’è chi può lavorare e non viene messo in condizione di lavorare che percepisce (grazie al Reddito di Cittadinanza) due o tre volte quello che hanno come contributo dallo Stato i disabili gravi o gravissimi e le loro famiglie”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli