Flavia Vento invoca Matteo Salvini per aiutare Roma: “Salvaci tu!”

flavia-vento-matteo-salvini

Nella spinosa questione dell‘emergenza rifiuti a Roma entra in campo anche Flavia Vento, che in tweet pubblicato nel pomeriggio del 4 ottobre chiede esplicitamente l’aiuto di Matteo Salvini per risolvere i problemi della Capitale. Non è la prima volta che la showgirl si appella al leader della Lega, il quale proprio nella giornata di ieri aveva commentato la difficile situazione dei rifiuti a Roma invitando la sindaca Virginia Raggi a cambiare mestiere.

Flavia Vento dalla parte di Matteo Salvini

Nel tweet pubblicato da Flavia Vento si può leggere la seguente richiesta d’aiuto: “Vai Matteo Salvini, manda a casa Virginia Raggi. Emergenza rifiuti uno schifoooo salvaci tuuu! Basta fate termovalorizzati! A Roma tra poco ci sarà la peste. Salviamo il pianeta”.

Una richiesta che per non giunge solitaria, visto che già lo scorso 28 giugno la Vento aveva chiesto l’esplicito intervento dell’allora ministro dell’Interno per risolvere l’emergenza rifiuti a Roma: “Nel 2019 paesi civili come Olanda e Svizzera conferiscono i rifiuti nei centri di termovalorizzazione! A Roma due buche per discariche, Virginia Raggi e ama srl mi vergogno per voi. Matteo Salvini autorizzi nuovi impianti emergenza rifiuti”.

Le parole di Salvini su Virginia Raggi

Il tweet di Flavia Vento arriva all’indomani delle critiche a Virginia Raggi espresse dal segretario leghista Matteo Salvini, che proprio in merito alla gestione dei rifiuti della Capitale ha affermato: “Virginia Raggi ha sbagliato mestiere, può tornare a fare l’avvocato, può fare la mamma, avrà tante doti ma non quella di fare il sindaco di Roma. Prima si farà da parte e meglio sarà per i romani. […] C’era un piano rifiuti che è stato ignorato per tre anni: i rifiuti o li mangi, o li bruci, o li metti sotto terra, o li lasci in strada a Roma. Mi sembra che i romani e milioni di italiani e di cittadini del mondo che vengono a Roma si rendano conto del fatto che messa così male, ahimé perchè ci vivo anch’io, Roma non lo è mai stata“.