Flavio Briatore, lo Stato nega il risarcimento per la vendita dello yatch

Flavio Briatore risarcimento yatch
Flavio Briatore risarcimento yatch

Lo Stato ha negato a Flavio Briatore il risarcimento di 12 milioni di euro per la vendita dello yatch Force Blue, sequestrato nel 2020. L’imprenditore, di certo, non si arrenderà.

Flavio Briatore: lo Stato nega il risarcimento per lo yatch

Niente da fare, lo Stato italiano non cede e ha negato il risarcimento chiesto da Flavio Briatore per la vendita dello yatch Force Blue. La Corte di appello di Genova ha così motivato il rifiuto: “È significativo che gli stessi brokers operanti a livello internazionale nel settore della nautica che avevano astrattamente stimato il prezzo di una possibile vendita in 15 milioni di euro. (…) abbiano poi raccomandato – sulla base delle caratteristiche concrete del natante, del suo marchio non rinomato e da ricondurre ad un cantiere che ha cessato l’attività, del tempo necessariamente limitato per procedere alla vendita giudiziale senza incorrere in ulteriori perdite, a fronte di un periodo normalmente impiegato di circa 12-18 mesi – di fissare un prezzo di vendita non superiore ai 7 milioni di euro“. Questa intricata faccenda è iniziata nel 2020, quando l’imbarcazione dell’imprenditore, stimata quasi a 20 milioni di euro, è stata sequestrata a largo de La Spezia per evasione fiscale di oltre 3 milioni di euro.

Briatore condannato e poi assolto

In un primo momento, Briatore è stato condannato a 18 mesi, poi è stato assolto. Il giudice aveva anche disposto il dissequestro dello yatch, ma per Flavio era troppo tardi. Lo Stato, infatti, aveva già venduto l’imbarcazione a causa degli elevati costi di gestione. Con il processo ancora in corso, il Force Blue era stato battuto all’asta per circa 7 milioni, andando a finire nelle mani di Bernie Ecclestone.

Perché Briatore ha chiesto il risarcimento allo Stato?

Appena è stato ritenuto innocente, Briatore ha richiesto indietro lo yatch, ma lo stesso era già stato venduto. Flavio, pertanto, ha ottenuto soltanto la cifra dell’asta, ovvero 7 milioni di euro. A questo punto, l’imprenditore, considerando il valore dell’imbarcazione, ha chiesto un risarcimento di 12 milioni di euro.