"Floyd non ha mai fatto del male a nessuno"

afroamericano soffocato chi era

Continua a fare il giro del web il video dell’afroamericano che, fermato dalla Polizia, viene soffocato da un agente che ha tenuto premuto il ginocchio sul suo collo. Trasportato urgentemente in ospedale dai sanitari, l’uomo è morto poco dopo l’arrivo nella struttura.

GUARDA ANCHE: Stati Uniti: “se sei nero, se ti ferma la Polizia...”

Chi era l’afroamericano soffocato dalla Polizia

I cronisti locali hanno intervistato diverse persone legate a George Floyd, questo il nome della vittima, tutte sconvolte da quanto accaduto. Jovanni Thunstrom, padrone di casa che l’aveva assunto come buttafuori nel suo ristorante cinque anni prima, ha parlato di lui come di un amico affermando che “nessuno poteva dire niente di negativo su di lui. Non ha mai causato una rissa o è stato scortese con le persone“.

I fratelli lo hanno descritto come una persona che non avrebbe mai fatto del male a nessuno. In particolare Rodney Floyd ha affermato che non crede che lui stesse opponendo resistenza all’arresto e denunciato che quanto accaduto è unicamente conducibile al colore della sua pelle. “La nazione ha visto e ogni persona di colore ha visto la stessa cosa, perché non succede a nessun altro“, ha dichiarato.

La vicenda

La Polizia ha fermato George al 3700 di Chicago Avenue South di Minneapolis dopo una chiamata per presunta contraffazione di un documento o di un assegno. Secondo gli agenti si trovava sotto gli effetti di alcol e droga all’interno di un’auto e avrebbe opposto resistenza quando gli hanno chiesto di uscire. Una volta immobilizzatolo però uno di loro ha iniziato a premere fortemente il ginocchio sul suo collo fino a farlo soffocare.

Il tutto, testimoniato chiaramente da un video registrato da un passante, mentre l’uomo si è più volte lamentato di non riuscire a respirare. Nonostante le riprese, la versione ufficiale della Polizia è stata che “quando gli agenti sono riusciti a mettergli le manette si sono accorti che stava avendo un problema medico“.