Fmi, Georgieva annuncia: emissione 650 mld dollari Dsp è operativa

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 ago. (askanews) - Kristalina Georgieva, direttore del Fondo monetario internazionale (FMI) ha annunciato che "la più grande allocazione di diritti speciali di prelievo (DSP) nella storia, circa 650 miliardi di dollari, entra in vigore oggi. Lo stanziamento è un importante dose di vaccino per il mondo e, se usato con saggezza, un'opportunità unica per combattere questa crisi senza precedenti".

"L'assegnazione di DSP - sottolinea in una nota la numero uno Fmi - fornirà ulteriore liquidità al sistema economico globale, integrando le riserve valutarie dei paesi e riducendo la loro dipendenza dal debito interno o estero più costoso. I paesi possono utilizzare lo spazio fornito dall'assegnazione di DSP per sostenere le proprie economie e intensificare la lotta contro la crisi".

"I DSP vengono distribuiti ai paesi in proporzione alle loro quote di quota nel FMI. Ciò significa che circa 275 miliardi di dollari andranno ai paesi emergenti e in via di sviluppo, di cui i paesi a basso reddito riceveranno circa 21 miliardi di dollari, equivalenti in alcuni casi al 6% del PIL. I DSP sono una risorsa preziosa e la decisione su come utilizzarli al meglio spetta ai nostri paesi membri. Affinché i DSP vengano impiegati per il massimo beneficio dei paesi membri e dell'economia globale, tali decisioni dovrebbero essere prudenti e ben informate".

"Per sostenere i paesi e contribuire a garantire trasparenza e responsabilità, l'FMI sta fornendo un quadro per valutare le implicazioni macroeconomiche della nuova allocazione, il suo trattamento statistico e la governance e come potrebbe influenzare la sostenibilità del debito. L'FMI fornirà inoltre aggiornamenti regolari su tutte le disponibilità, le transazioni e le negoziazioni di DSP, incluso un rapporto di follow-up sull'uso degli DSP tra due anni".

Georgieva specifica che "per amplificare i benefici di questa allocazione, il FMI sta incoraggiando la canalizzazione volontaria di alcuni DSP da paesi con forti posizioni esterne ai paesi più bisognosi. Negli ultimi 16 mesi, alcuni membri si sono già impegnati a prestare 24 miliardi di dollari, inclusi 15 miliardi di dollari dai loro DSP esistenti, al Fondo per la riduzione e la crescita della povertà del FMI, che fornisce prestiti agevolati ai paesi a basso reddito. Questo è solo l'inizio e l'FMI continuerà a lavorare con i nostri membri per costruire su questo sforzo".

"Il FMI - sottolinea il suo direttore - si sta anche impegnando con i suoi paesi membri sulla possibilità di un nuovo Resilience and Sustainability Trust, che potrebbe utilizzare i DSP canalizzati per aiutare i paesi più vulnerabili con la trasformazione strutturale, compreso il confronto con le sfide legate al clima. Un'altra possibilità potrebbe essere quella di incanalare i DSP per sostenere i prestiti delle banche multilaterali di sviluppo. Questa assegnazione di DSP - conclude - è una componente fondamentale del più ampio sforzo del FMI per sostenere i paesi durante la pandemia, che include: 117 miliardi di dollari in nuovi finanziamenti per 85 paesi; riduzione del servizio del debito per 29 paesi a basso reddito; e consulenza politica e supporto allo sviluppo delle capacità a oltre 175 paesi per aiutare a garantire una ripresa forte e più sostenibile".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli