Fmi: ripresa perde slancio, taglia Pil globale 2021 al 5,9%

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 12 ott. -(Adnkronos) – Dopo l'impatto devastante della crisi aperta dalla pandemia "continua la ripresa globale ma il suo slancio si è indebolito" per via anche della diffusione della variante Delta che "frena un pieno ritorno alla normalità". Lo prevede il Fondo Monetario Internazionale nel World Economic Outlook appena diffuso, aggiustando le stime per il Pil globale che per quest'anno è previsto in crescita del 5,9%, con un taglio di 0,1 punti sulla previsione fatta nello scorso luglio. Invariata invece la stima per il 2022 a +4,9%.

Il Fondo evidenzia come il combinato fra pandemia e problemi nelle catene di approvvigionamento globali ha provocato "problemi nelle forniture più lunghe del previsto, alimentando ulteriormente l'inflazione in molti paesi". Nel complesso, osserva il Fondo nella nota firmata dalla capo economista Gita Gopinath, 'i rischi per le prospettive economiche sono aumentati e le scelte politiche sono diventate più complessi".

L'Fmi segnala come la "modesta revisione delle stime, tuttavia, nasconde ampi tagli per alcuni paesi" (ma non per l'Italia): in particolare le prospettive per i paesi in via di sviluppo a basso reddito sono notevolmente peggiorate a causa della dinamica della pandemia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli