Fmi taglia stime Pil Italia 2021 a +3%, alza previsioni mondo a +5,5%

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·2 minuto per la lettura
Symbol of the International Monetary Fund, background stone, blurred image. (Photo: milanadzic via Getty Images)
Symbol of the International Monetary Fund, background stone, blurred image. (Photo: milanadzic via Getty Images)

Il Fmi rivede al ribasso la stime di crescita per l’Italia nel 2021, mentre rialza quelle sul Pil mondiale sulla speranza che i vaccini debellino la pandemia di coronavirus, che costerà 22 mila miliardi di dollari tra il 2020 e il 2025, secondo le previsioni.

Giù le stime sull’Italia. Dopo una contrazione inferiore alle attese nel 2020, quando il Pil è calato del 9,2% rispetto al -10,6% previsto in ottobre, nelle previsioni dell’Fmi l’economia quest’anno crescerà del 3,0%, ovvero 2,2 punti percentuali in meno delle previsioni precedenti. Nel 2022 il Pil è stimato crescere del 3,6%, l′1,0% in più alle stime di ottobre.

Su le previsioni sul mondo. L’economia mondiale viaggia a una velocità superiore alle attese dopo essersi contratta nel 2020 del 3,5%, meno del 4,4% previsto in ottobre. Il Pil crescerà nel 2021 del 5,5%, 0,3 punti percentuali in più rispetto alle stime precedenti. Per il 2022 il Fondo conferma una crescita del 4,2% (invariata rispetto alle stime precedenti). La ripresa, avverte comunque il Fmi, è “incompleta” con l’attività economia che “resta ben al di sotto dei livelli pre-pandemia” e soggetta a una forte “incertezza”.

Il Pil di Eurolandia crescerà nel 2021 meno delle attese, segnando un +4,2%, ovvero 1 punto percentuale in meno rispetto alle previsioni di ottobre. Per il 2022 la crescita è stata invece rivista al rialzo di 0,5 punti al 3,6%. Fmi prevede per gli Stati Uniti un Pil in aumento quest’anno del 5,1%, ovvero 2 punti percentuali in più rispetto alle stime di ottobre. Nel 2022 la crescita americana è stata invece rivista al ribasso di 0,4 punti rispetto alle attese al 2,5%.

Il Fmi rivede al ribasso le stime di crescita per il 2021 di Germania, Francia e Spagna. La locomotiva tedesca è attesa crescere del 3,5% quest’anno ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.