Fnomceo: medici pronti ma vaccini scarseggiano

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 mar. (askanews) - "I medici sono pronti a vaccinare. A scarseggiare sono i vaccini". Parola di Filippo Anelli, appena riconfermato alla guida della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurgi e Odontoiatri. Che ora chiede l'ausilio delle Forze Armate per distribuire ai medici le dosi.

"Sono quasi 200mila i medici e gli odontoiatri disponibili a vaccinare sul territorio, secondo le metodologie scelte dalle Regioni e dalle Asl: negli hub, negli studi, a domicilio - spiega Anelli -. Abbiamo assicurato la disponibilità, firmato protocolli, stabilito intese a livello locale. Ora dateci le dosi di vaccino: noi siamo pronti".

"Chiediamo al Commissario Straordinario, Generale Francesco Paolo Figliuolo, di utilizzare anche le Forze Armate e la Protezione Civile per distribuire le dosi - aggiunge -. I medici ci sono, e sono impazienti di fare la loro parte, come ormai da decenni fanno durante la campagna antiinfluenzale e, da sempre, nei centri vaccinali delle Asl".

"Se i medici disporranno di un numero sufficiente di vaccini, sarà possibile, in tempi relativamente brevi, la vera svolta: sottoporre a vaccinazione, in tutti i centri previsti dal Piano vaccinale, gli anziani, i pazienti più fragili e quelli affetti da particolari patologie, le categorie professionali a rischio, per arrivare, entro l'estate, a proteggere gran parte della popolazione - conclude Anelli -. Il rapporto di alleanza che lega il medico al paziente, la conoscenza approfondita e costante delle condizioni cliniche del cittadino aiuteranno a raggiungere, in un clima di serenità e fiducia, gli obiettivi fissati dal piano di vaccinazione, nel rispetto della dignità di ogni persona".