Focolaio a Mondragone, tensione alle stelle: scontri, in arrivo l'esercito

Cresce la tensione a Mondragone, nel Casertano, dove le palazzine ex Cirio sono state chiuse da lunedì in una mini zona rossa dopo che diversi abitanti sono risultati positivi al virus. Il bilancio attuale è di 49 positivi, nel pomeriggio odierno la tensione tra i cittadini bulgari e quelli italiani è salita alle stelle.

Da un’accesa discussione, davanti le palazzine, è nata una vera e propria ressa con lanci di pietre e sedie dai balconi che hanno reso necessario l’intervento della polizia in tenuta antisommossa. Un agente di polizia è rimasto lievemente ferito dopo essere stato raggiunto da una pietra. Alla base delle discussioni ci sono le proteste dei cittadini bulgari messi in quarantena, ma sono scesi in strada anche gli abitanti italiani di Mondragone, preoccupati che il virus possa diffondersi oltre il cordone sanitario imposto dall’ordinanza della Regione Campania.

VIDEO - Il principe William visita i laboratori del vaccino per il COVID-19

"Ho assistito personalmente ad un inaccettabile atto di insubordinazione di oltre 50 cittadini, stranieri e non, i quali uscendo dalle rispettive abitazioni e violando di fatto il cordone sanitario, hanno creato paura nella cittadinanza, che ha dovuto assistere all'impotenza delle poche forze dell'ordine presenti. Al prefetto chiedo di adottare ogni misura al fine di ripristinare la legalità". Lo ha dichiarato il sindaco di Mondragone, Virgilio Pacifico.

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, visti gli ultimi episodi, ha richiesto l’intervento del ministero dell’Interno: "Ho avuto un colloquio con il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, in relazione alla zona rossa istituita negli ex palazzi Cirio di Mondragone. Ho chiesto l'invio urgente di un centinaio di uomini delle forze dell'ordine per garantire il controllo rigoroso del territorio. Il ministro ha inviato un contingente dell'esercito".

LEGGI ANCHE - Coronavirus, tutte le notizie e gli aggiornamenti in tempo reale

Intanto qualcuno tra i positivi, però, non si riesce più a rintracciare; molti inquilini, specie tra gli stranieri, non risultano censiti, e si ipotizza che abbiano fatto perdere le proprie tracce.

VIDEO - Dagli Usa scorte e forniture mediche alla Campania