Focolaio all’hotel Politeama ed ora tracce del batterio killer anche in via Principe di Belmonte

Indentificata la Legionella a Palermo
Indentificata la Legionella a Palermo

In queste ultime ore il capoluogo della Sicilia sta facendo i conti con un batterio che non a caso viene definito “killer” da quanto è infido, Legionella a Palermo, ormai è  allarme in hotel e piscine in centro. Prima un focolaio all’hotel Politeama ed ora tracce del batterio killer anche in via Principe di Belmonte. Insomma, come spiegano i media, l’allarme Legionella in centro è tutt’altro che falso.

Legionella a Palermo, allarme in centro

Il primo focolaio era stato isolato presso l’hotel Politeama, che nella giornata del 13 settembre aveva dovuto chiudere i battenti e trasferire i clienti in altre strutture ricettive. Erano state trovate infatti tracce del batterio che provoca una grave forma di polmonite. Nelle ore successive la legionella era stata individuata anche in un edificio di via Principe di Belmonte, immobile che è stato sgomberato per “evitare che l’infezione possa diffondersi velocemente”. Ma non è finita ed ulteriori casi sarebbero stati segnalati in alcuni quartieri della città, specie negli immobili con una vecchia autoclave o collegati alla rete con tubature obsolete.

Asp in allerta ed Amap “non coinvolta”

L’Asp sta monitorando attentamente la situazione. Dal canto suo l’Amap, l’azienda che si occupa della distribuzione idrica, ha diramato una nota, spiegando che “non è direttamente coinvolta nella gestione di questi casi, che riguardano esclusivamente impianti privati a valle dei contatori e per i quali per altro non ha ricevuto ad ora nessuna segnalazione“.