Focolaio Trieste, Riccardi: "Per protesta No Green Pass"

·1 minuto per la lettura

"Il focolaio Covid-19 più importante in questo momento è a Trieste e ha origine dalle manifestazioni di protesta contro il Green pass". Lo riferisce il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, evidenziando come la task force regionale sia al lavoro sull'analisi del contagio. "Si contano 70 casi. Stiamo assistendo ad un'evoluzione rapida del numero dei contagi sebbene al momento l'impatto sugli ospedali sia modesto".

"Stiamo assistendo ad un andamento di crescita generale dell'epidemia, soprattutto a Trieste, in modo esponenziale - ha indicato il vicegovernatore -. Potrebbe essere difficile, o richiedere un tempo lungo, far ridiscendere la curva dei contagi e questo desta qualche preoccupazione". Riccardi sottolinea da un lato una copertura vaccinale ancora troppo bassa e dall'altro la necessità di accelerare sulla terza dose. "In questo momento il focolaio di casi collegati alle manifestazioni che si svolgono a Trieste è il più grande della Regione - ha rimarcato Riccardi -; solo nel capoluogo del Friuli Venezia Giulia ci sono alcune centinaia di casi degli ultimi 7 giorni con origine ignota o non dichiarata. La fase di crescita dei contagi a cui assistiamo ora deriva anche da una condizione di circolazione virale già piuttosto alta a metà settembre a Trieste legata al rientro di casi positivi dalle ferie".

Riccardi ha evidenziato anche un potenziamento delle attività di contact tracing e della sorveglianza in modo da rendere prioritario il contenimento della diffusione del virus e l'elevato numero di tamponi eseguiti in regione in questo periodo derivanti dall'obbligo del Green pass.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli