Foggia, Pellegrini (Comitato mafie pugliesi in Antimafia): "Servono interventi straordinari"

·2 minuto per la lettura

Negli ultimi quattro anni, dopo la strage di San Marco in Lamis (Foggia), si sono registrati "successi" e "un impegno dello Stato con tutte le proprie forze", ma alla luce degli ultimi attentati esplosivi nel foggiano, servono "interventi specifici". Lo afferma all'Adnkronos il senatore Marco Pellegrini (M5s ), coordinatore del Comitato di indagine sulle mafie pugliesi istituito all'interno della Commissione parlamentare Antimafia.

"Bisogna rimarcare i successi degli ultimi quattro anni successivi all'eccidio di San Marco in Lamis del 9 agosto 2017, in cui furono uccisi anche due innocenti. Quell'eccidio ha sancito una linea di demarcazione e un impegno dello Stato, con tutte le proprie forze - sottolinea Pellegrini - Negli ultimi quattro anni ci sono state centinaia di operazioni antimafia e di arresti di boss e soggetti in posizione apicale nelle gerarchie dei vari clan, poi sono stati istituiti il Reparto di Prevenzione Crimine a San Severo, lo Squadrone Carabinieri Eliportato 'Cacciatori Puglia', i Ros a Bari, nel febbraio 2020 la Dia a Foggia. Tuttavia la mafia violenta, spietata e feroce non vuole mollare".

"Chiediamo interventi specifici e l'elevazione a struttura di primo livello dei commissariati di San Severo e Cerignola: ciò consentirebbe una certa dotazione di strutture, uomini e donne - osserva il senatore pentastellato - Come M5s ho inoltre presentato, nel 2018, un disegno di legge apposito per istituire a Foggia una sezione distaccata della Corte di Appello Bari e della Dda e del Tribunale dei minorenni: i presidi giudiziari sono indispensabili per migliorare l'azione di contrasto; avendo i magistrati della Dda direttamente sul territorio si otterrebbero risultati migliori".

"E' difficile mettere mano alla geografia giudiziaria, ma siamo convinti che bisogna tenere conto di quanto dice il procuratore nazionale antimafia Cafiero de Raho, che parla di Foggia e delle mafie foggiane come di un'emergenza nazionale - continua Pellegrini - Servono quindi provvedimenti straordinari".

"Il ministro Lamorgese ha dimostrato di recepire le istanze sul territorio e in pochi mesi è stata realizzata Dia a Foggia - prosegue - Mi auguro quindi che agisca anche per quanto riguarda i due commissariati di San Severo e Cerignola. Riguardo invece alla sezione distaccata a Foggia della Corte di Appello Bari e della Dda e del Tribunale dei minorenni servirebbe un accordo tra forze politiche portando avanti il mio ddl oppure si potrebbe seguire la strada del decreto legge se la ministra Cartabia fosse convinta della necessità di questi presidi giudiziari". Intanto il lavoro del Comitato di indagine sulle mafie pugliesi dell'Antimafia prosegue: "Stiamo facendo luce su una mafia poco conosciuta, abbiamo sentito i commissari prefettizi dei comuni sciolti e la prossima settimana continueremo le audizioni con quello di Foggia. Tra qualche settimana faremo una prima relazione intermedia'", conclude Pellegrini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli