Foibe: Albano (Fdi), 'da profuga giuliana dico che furono genocidio senza se e ma'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 31 ago. (Adnkronos) – "Da profuga giuliana di seconda generazione, sottoscrivo l’interrogazione presentata dai colleghi di Fratelli d’Italia, Paola Frassinetti e Giovanni Donzelli, per la rimozione dall’incarico di rettore del professor Montanari, personaggio fazioso, ideologico e, stando ai fatti, profondamente ignorante. Non posso tacere perché mio padre è testimone oculare dei fatti accaduti, profugo in terra di Patria. Non posso tacere perché mio nonno perse tutto e rischiò la vita per conservare la cittadinanza italiana, alla quale teneva oltre misura". Lo afferma Lucia Albano, deputata di Fratelli d'Italia.

"Chi sta infangando la memoria di migliaia di italiani infoibati dal regime comunista titino negandone il sacrificio -aggiunge- non può ricoprire un incarico così prestigioso. Le foibe furono un genocidio, senza se e senza ma. Chi minimizza questa tragedia non è degno di essere un docente. La Storia bisogna conoscerla, e raccontarla tutta, fino in fondo. Anche quella scomoda”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli