Foibe, esuli: sconcertati da Di Maio, vogliamo incontrare Conte

Red/Nav

Roma, 7 giu. (askanews) - L'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, in una nota, si dice "sconcertata dalla mancata attenzione prestata nei confronti delle questioni ancora aperte riguardanti gli esuli istriani da parte del Ministro degli Affari Esteri Di Maio durante la sua visita in Slovenia, chiede che una delegazione delle associazioni degli esuli istriani, fiumani e dalmati possa incontrare il Presidente del Consiglio Conte".

Nel comunicato del presidente Renzo Codarin si ricorda che in occasione della cerimonia istituzionale del Giorno del Ricordo 2020 il Presidente Conte "aveva espresso parole adeguate e dimostrato interesse per la risoluzione delle problematiche ancora da portare a compimento in termini di diritti negati ai connazionali costretti ad abbandonare Istria, Fiume e Dalmazia. Eppure nel corso di questa legislatura non si ancora riunito il tavolo di lavoro tra FederEsuli e la Segreteria della Presidenza del Consiglio ed il Ministro Di Maio a Lubiana ha affrontato le tematiche di interesse della minoranza slovena, una cui delegazione ha partecipato ai lavori, senza tenere in minima considerazione il problema dei beni abbandonati dagli esuli in territorio oggi sloveno (il distretto di Capodistria)".

E quindi "consapevole delle necessit collegate all'attuale situazione di uscita dalla crisi sanitaria, l'A.N.V.G.D. ritiene tuttavia doveroso che nelle sedi competenti non vengano per l'ennesima volta trascurate le richieste degli esuli e dei loro discendenti, che chiedono giustizia a oltre settant'anni dalla firma del Trattato di pace, e che sia pertanto necessario riavviare la collaborazione con il Governo affinch si addivenga finalmente ad una soluzione".