Foibe: Meloni, 'fermare deriva Montanari, così i Talebani sono nati nelle università'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 29 ago. (Adnkronos) – "I Talebani sono nati proprio con la propaganda estremista nelle università. Non è un problema di Fratelli d’Italia, è un problema per l’Italia, e mi auguro che qualcuno abbia la decenza di fermare questa pericolosa deriva". Lo scrive Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, in un intervento su 'Il Giornale, nel quale si sofferma sulle polemiche apertesi dopo le parole sulle Foibe di Tomaso Montanari.

"Da qualche giorno, con un crescendo inquietante di dichiarazioni sempre più intrise di odio politico, ci troviamo costretti a leggere -scrive la leader di Fdi- gli sproloqui di Tomaso Montanari 'intellettuale' vip della sinistra e prossimo rettore dell'Università per Stranieri di Siena che propone la cancellazione del Giorno del Ricordo per i martiri delle Foibe. Ossia il 10 febbraio, data solenne sancita da una legge dello Stato approvata nel 2004. Per lui –in spregio al monito del Presidente Sergio Mattarella– nient’altro che un’operazione di 'revisionismo di Stato' frutto della propaganda della destra".

Richiamando un'intervista di Montanari a 'La Stampa' di ieri, la leader dei Fdi sottolinea tra l'altro che "il folle messaggio che passa dalle sue parole è che infoibare migliaia di 'fascisti' non sia stato un crimine. È proprio sulla base di questo estremismo che personaggi alla Montanari giustificano e minimizzano da anni la brutale uccisione di Norma Cossetto, ragazzina torturata e stuprata in branco dai 'partigiani' e poi gettata viva in una foiba per la grave colpa di non essere stata ostile al fascismo (come gran parte degli italiani di allora)".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli