Folla inferocita in Ucraina assalta pullman con rimpatriati da Wuhan

(Photo: ASSOCIATED PRESS)

In Ucraina una folla inferocita ha attaccato con lancio di sassi, e accendendo fuochi, alcuni pullman che trasportavano un gruppo di 45 cittadini ucraini e 27 stranieri rimpatriati con un volo da Wuhan.

L’episodio, avvenuto in piena notte fra l’aeroporto di Kharkiv, dove i rimpatriati sono atterrati, e l’ospedale di Novi Sanzhary, dove erano diretti per un periodo di quarantena, potrebbe essere stato innescato da una falsa email del ministero della Salute ucraino secondo il quale i rimpatriati, in realtà tutti negativi ai test, avrebbero contratto il virus. 

 

 

Mentre il servizio d’intelligence ucraino (Ssu) ha reso noto di star indagando l’origine della mail con la fake news, il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha invitato chi protesta ad avere un po di empatia nei confronti delle persone rimpatriate, si legge sul Guardian.

Il ministero della Salute ha quindi precisato che nessuno fra le persone rimpatriate era risultato positivo o aveva la febbre, mentre tre ucraini che avevano mostrato qualche linea di febbre erano rimasti in Cina. Per calmare la folla il primo ministro, Oleksiy Honcharuk, e i ministri della Salute, Zoriana Skaletska, e dell’Interno, Arsen Avakov, si sono presentati a Novi Sanzhary: “Stiamo parlando di gente sana, non di gente infetta”, ha detto Avakov.

(Photo: ASSOCIATED PRESS)

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.