Fond. Migrantes: -56% arrivi nel 2019, 7.500 sbarchi "fantasma"

Sav

Roma, 29 nov. (askanews) - "Nonostante alcune martellanti dichiarazioni politiche di propaganda circa il 'ritorno' di un'ondata di sbarchi 'indiscriminati', fra la tarda estate e l'inizio dell'autunno 2019 l'anno sembra avviato a concludersi con un totale di arrivi in Italia di migranti e rifugiati via mare ai livelli minimi: 9.648 quelli registrati a fine ottobre (-56% rispetto allo stesso periodo 2018, e nell'ambito di un trend di drastica diminuzione inizato nel '17). Al 31 ottobre 2019 i migranti arrivati nell'anno sono salpati da Libia (2.800 circa), Tunisia (3.500), Algeria (900) e Grecia/Turchia (2.400). Ben 7.500 gli sbarchi 'fantasma' o autonomi, contro i 6.000 dell'intero 2018". Lo dice la Fondazione Migrantes nel rapporto 2019 "Il diritto d'asilo" presentato a Modena all'interno del Festival della Migrazione.

In forte calo nel 2019, spiega il dossier, anche i richiedenti asilo registrati: 26.997 alla fine di settembre (dato provvisorio, contro i 43.965 dello stesso periodo del 2018). Sino a tutto luglio, le prime nazionalità sono Pakistan, Nigeria e Bangladesh.

Consistente, rispetto al totale di 26.997, il numero di richiedenti asilo arrivati nell'anno in Friuli-Venezia Giulia dalla "rotta" balcanica via terra: 5.526 fra l'1 gennaio e il 15 settembre.