Fond. Migrantes: nel 2019 quasi scomparsa protezione umanitaria

Sav

Roma, 29 nov. (askanews) - "Nel 2018 le Commissioni territoriali italiane hanno riconosciuto uno dei tre benefici di protezione (status di rifugiato, protezione sussidiaria e protezione umanitaria) a poco più di 31 mila persone, contro le 34 mila circa del 2017 e le quasi 37 mila del 2016. Il dato parziale per il 2019 (che ha registrato la quasi scomparsa della protezione umanitaria) è di 14.000, meno del 50% del totale dei benefici riconosciuti nel 2018. A tutto settembre 2019, su circa 72.500 domande esaminate nell'anno, quelle respinte sono state l'80%: solo l'11% le concessioni dello status di rifugiato, il 7% della protezione sussidiaria e l'1,5% della protezione umanitaria". È quanto emerge dal rapporto 2019 di Fondazione Migrantes "Il diritto d'asilo", presentato a Modena al Festival della Migrazione.

Alla fine di settembre 2019, spiega il dossier, i richiedenti asilo, rifugiati e migranti in accoglienza sono scesi sotto la soglia delle 100 mila unità per la prima volta dal 2015. Del totale di 99.599 persone accolte, quelle ospitate nei CAS e nei centri di prima accoglienza eano il 75% del totale. Solo 24.674 le persone ospitate nei centri del SIPROIMI ex SPRAR.

Sono 7.272 i minori stranieri non accompagnati censiti e presenti nei servizi di accoglienza alla metà del 2019 (-45% rispetto a un anno prima); 4.736, invece, sono quelli "irreperibili", che cioè si sono allontanati da sei servizi.