Fondazione Collodi, donata a Papa Francesco un'edizione illustrata di Pinocchio

·1 minuto per la lettura

Il presidente della Fondazione Nazionale Carlo Collodi, Pier Francesco Bernacchi, e l'artista Antonio Nocera hanno donato a papa Francesco una rara edizione de "Le Avventure di Pinocchio", curata e illustrata dal pittore e scultore. Nocera e Bernacchi hanno consegnato l’opera al pontefice durante una delle ultime udienze in Vaticano, a dicembre. Oltre al volume sul burattino, Nocera ha omaggiato Sua Santità anche con una edizione dei Vangeli, sempre arricchita dalle sue opere. Il pontefice ha accolto con piacere i due volumi. Si tratta di rare edizioni stampate in copie limitate. La notizia dell'udienza papale in Vaticano è stata resa nota oggi dalla stessa Fondazione che ha sede a Pescia (Pistoia), dove si trova il celebre Parco di Pinocchio.

Bernacchi e Nocera, qualche anno fa, avevano donato un’altra rarità sul burattino, sempre creata dall’artista. Un'edizione del libro stampata su carta pregiata fatta a mano, dove le pagine non sono rilegate ma contenute all'interno di una valigia; la valigia del migrante. Tanti italiano che lasciarono il Paese per cercare fortuna all'estero si portavano qualcosa del loro Paese. Chi sapeva leggere anche dei libri, come "Le avventure di Pinocchio". Celebre la vicenda della famiglia dell'artista Venturino Venturi: il padre fu costretto ad emigrare in Francia con la famiglia, perché socialista. E ad accompagnare la famiglia ci erano due libri: Pinocchio e la Divina Commedia, sui quali Venturino – che avrebbe poi realizzato la piazzetta dei mosaici del Parco di Pinocchio – esercitò il suo italiano.

Una identica edizione de "Le Avventure di Pinocchio" donata qualche settimana fa al Papa è stata regalata anche al presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, da sempre appassionato del burattino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli