Fondazione CRUI e GSE, 16 tirocini nel settore delle rinnovabili

Redazione
·2 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - Media degli esami del 27, conoscenza dell'inglese al livello B1, iscrizione a un corso di laurea magistrale o a ciclo unico delle classi di laurea indicate nel bando. Sono questi alcuni dei requisiti per accedere all'opportunità offerta dalla Fondazione CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università Italiane e dal Gestore dei Servizi Energetici, società del Ministero dell'Economia che in Italia promuove lo Sviluppo sostenibile attraverso l'incentivazione alle fonti rinnovabili e all'efficienza energetica. Proprio il GSE, da giugno a dicembre 2021, offre 16 tirocini presso la sede di Roma ad altrettanti studenti delle Università italiane, per un percorso di formazione on-the-job curriculare da svolgere sia in presenza che a distanza, in funzione dell'evolversi della pandemia.

Il GSE riconoscerà ai tirocinanti un rimborso forfettario mensile di 250 euro, oltre a 1 ticket restaurant di 7 euro per ciascun giorno di presenza in azienda. I 16 studenti selezionati svolgeranno il tirocinio in diverse aree aziendali del GSE. In particolare, 5 presso l'area Fonti rinnovabili ed Efficienza energetica, 5 nell'area dedicata alla Promozione dello Sviluppo sostenibile, 2 presso il Customer Care, 1 nell'area Relazioni istituzionali, 1 nella Comunicazione aziendale, 1 presso l'area Tutela e Compliance aziendale e infine 1 nel settore Pianificazione e Controllo.

Le candidature vanno presentate entro il 4 maggio sul sito https://tirocini.crui.it. Per scaricare il bando e l'elenco delle università partecipanti basta cliccare nell'area dedicata ai tirocini della CRUI.

I 16 tirocini costituiscono la prima delle tante opportunità avviate grazie alla Convenzione sottoscritta l'8 marzo scorso dal GSE e dalla Fondazione CRUI, che rientra nella più ampia collaborazione, anche in ambito di riqualificazione energetica degli Atenei, sottoscritta dal Presidente del GSE, Francesco Vetrò e dal Presidente della CRUI, Ferruccio Resta, il 22 luglio 2020.

(ITALPRESS).

sat/com