Fondazione don Rigoldi a sostegno famiglie con figli fino a 3 anni

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 21 dic. (askanews) - Fondazione Don Gino Rigoldi insieme alla Croce Rossa di Milano lancia una nuova iniziativa a sostegno di 40 nuclei famigliari, con figli di età inferiore ai tre anni, in condizione di fragilità. Da sempre impegnata in attività di sostegno alle famiglie in difficoltà socio-economica, la fondazione negli ultimi mesi è stata impegnata da una parte nella distribuzione di 500 computer per la didattica a distanza dei ragazzi e dall'altra nella distribuzione di oltre 600 carte prepagate per le famiglie in difficoltà.

Il focus questa volta è rivolto alla prima infanzia, particolarmente toccata dall'emergenza sanitaria e in continuo aumento. In particolare, verranno distribuiti pannolini, latte in polvere, prodotti per l'igiene, generi alimentari specifici per la fascia d'età, con l'attenzione ad una corretta e sana alimentazione nei primi anni di vita. Per ogni nucleo sarà definito un progetto personalizzato di accompagnamento per un arco temporale non inferiore ai sei mesi, periodo a nostro avviso necessario perché l'aiuto fornito risulti realmente efficace.

"Abbiamo scelto di collaborare anche con Croce Rossa - dice don Gino Rigoldi - per poter arrivare alle famiglie che non sono già raggiunte dalle altre nostre iniziative. Grazie a loro abbiamo potuto individuare quei nuclei familiari che, avendo figli molto piccoli, hanno esigenze diverse rispetto ai soli generi alimentari". "Dobbiamo riuscire - aggiunge il cappellano del Beccaria - a portare sane e salve tutte le famiglie alla prossima estate, quando ci auguriamo una ripresa delle opportunità di lavoro". "L'azione congiunta con la Fondazione di Don Gino non solo ci permetterà di incrementare la nostra azione a tutela delle famiglie più fragili della città - aggiunge Luigi Maraghini Garrone, presidente del Comitato di Milano della Croce Rossa Italiana - ma riconferma l'importanza del lavoro in rete: solo creando "sinergie umanitarie" riusciremo infatti a superare questo momento di grande difficoltà, senza lasciare nessuno indietro" Un team di operatori, adeguatamente formati, seguirà individualmente e personalmente l'evolvere delle necessità e dei bisogni, fornendo al contempo un punto di riferimento al nucleo nel superamento della situazione di difficoltà.