Fondazione Milano Cortina: non un euro da Decreto infrastrutture

Lme
·1 minuto per la lettura

Milano, 20 nov. (askanews) - "In merito ad analisi e commenti apparsi sui media in questi giorni, la Fondazione Milano Cortina 2026, comitato organizzatore dei Giochi invernali italiani, precisa ancora una volta che il recente decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti finanzia unicamente progetti infrastrutturali previsti da tempo e non le Olimpiadi e Paralimpiadi invernali del 2026. Gli stanziamenti - come si evincerebbe anche dalle anticipazioni di stampa sull'elenco allegato al decreto - sono destinati ad opere pubbliche già programmate e addirittura in parte già finanziate dagli Enti locali, che saranno utili anzitutto ai cittadini dei territori interessati anche se, in molti casi, potranno agevolare i collegamenti necessari allo svolgimento dei Giochi". Lo scrive la Fondazione Milano Cortina in una nota ufficiale. "I fondi pubblici - prosegue il comunicato - non sono quindi destinati all'organizzazione e alla realizzazione dell'evento Olimpico e Paralimpico che, sulla scorta degli impegni presi con il CIO in materia di sostenibilità, sarà interamente finanziato da investimenti privati e non peserà sulle tasche dei contribuenti. Nel dossier Olimpico è previsto, fra l'altro, un utilizzo largamente prevalente di strutture già esistenti o temporanee. Quanto al PalaItalia di Santa Giulia a Milano, l'impianto sarà realizzato con capitali privati senza alcun contributo pubblico. Il Villaggio Olimpico che sarà costruito, sempre a Milano, riqualificando l'area dismessa dello scalo ferroviario di Porta Romana, rappresenta con ogni evidenza un'eredità positiva, visto che dopo i Giochi sarà riconvertito in residenza per gli studenti universitari".