Conte: "Colpito che Renzi prenda soldi da Stato estero e Benetton"

·1 minuto per la lettura

"Renzi? Mi colpisce molto che un senatore prenda soldi da enti pubblici di uno Stato estero, ma lo risolveremo con una legge sul conflitto di interesse". Lo ha affermato il presidente del Movimento 5 stelle, Giuseppe Conte, ospite di 'Otto e mezzo' su La7, rispondendo alle domande sulle informazioni finanziarie pubblicate su Matteo Renzi, coinvolto nell'inchiesta sulla Fondazione Open.

"Mi ha colpito poi che un pagamento arrivi da parte di uno dei Benetton proprio mentre noi ci battevamo contro la concessione di Autostrade. Mi chiedo con che stato d'animo Italia viva possa aver approcciato alla cosa", ha detto.

"Ricordo nel 2018 una trasmissione, 'Matrix', in cui Renzi si presenta con il suo estratto conto: 15mila euro, 'questo è il saldo del mio estratto conto, i politici devono mostrare il proprio conto corrente, se si supera questa cifra, testuale, vuol dire che qualcosa non va bene, perché i politici non devono fare comitati d'affari'. Mi sembra che da allora abbia cambiato completamente idea, sia passato dalla parte opposta, il conto è cresciuto, evidentemente è passato a fare affari, e forse non è più un politico. A meno che non abbia cambiato idea, legittimo, lo spiegherà completamente", ha aggiunto Conte.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli