Fondi Lega: Cdr Tgr Lombardia, 'grave no telecamere a processo Barachetti'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 15 apr. (Adnkronos) – Il CdR della Tgr Lombardia giudica "grave e sbagliata la decisione della presidente della Settima sezione penale del Tribunale di Milano Ombretta Malatesta di negare la presenza delle telecamere in aula per seguire il filone del procedimento a carico di Francesco Barachetti, imputato per il caso Lombardia Film Commission". Il Comitato di Redazione ha scritto una lettera al presidente del Tribunale, Roberto Bichi, a questo proposito.

"La presenza fisica delle telecamere in aula – si legge nella motivazione del Presidente – potrebbe costituire pregiudizio al sereno svolgimento del processo e condizionare involontariamente i testimoni. Ma vietare le riprese audio e video impedisce una completa documentazione del processo, l'unico su quella vicenda a rito ordinario, e nega ai cittadini il diritto costituzionale a essere informati", sottolinea il cdr.

Peraltro, la motivazione che nega l'accesso alle telecamere, "è la stessa addotta a Lamezia Terme nel corso del maxi-processo alla ‘ndrangheta“Rinascita-Scott”. In quel caso, i giudici hanno rivisto – almeno in parte – tale scelta consentendo una copertura video del dibattimento. Ci auguriamo, quindi, che anche la Settima sezione penale del tribunale di Milano, possa rivedere la propria decisione", conclude.