"Fondi per cambio di sesso". Polemica in Forza Italia per la proposta di una senatrice

·1 minuto per la lettura
Senator Licia Ronzulli during the discussion in the Senate Chamber of the Zan Ddl bills: Measures to prevent and combat discrimination and violence for reasons based on sex, gender, sexual orientation on gender identity and disability. Rome (Italy), July 13th, 2021 (Photo by Massimo Di Vita/Archivio Massimo Di Vita/Mondadori Portfolio via Getty Images) (Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)
Senator Licia Ronzulli during the discussion in the Senate Chamber of the Zan Ddl bills: Measures to prevent and combat discrimination and violence for reasons based on sex, gender, sexual orientation on gender identity and disability. Rome (Italy), July 13th, 2021 (Photo by Massimo Di Vita/Archivio Massimo Di Vita/Mondadori Portfolio via Getty Images) (Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)

Istituire un fondo da 15 milioni “per il sostegno al percorso di transizione per il cambio di sesso e per l’operazione di cambio di sesso”. E’ la proposta della senatrice di Forza Italia Urania Papatheu, che ha presentato un emendamento alla manovra. La senatrice chiede di istituire “presso il ministero della Salute un fondo con una dotazione iniziale di 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022, 2023 e 2024″.

“L’emendamento alla manovra con cui si vorrebbero finanziare interventi chirurgici per il cambio di sesso è stato presentato a titolo assolutamente personale e non mi trova affatto d’accordo”. Così, in una nota, la vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato, Licia Ronzulli commemta l’emendamento con cui la Senatrice Papatheu di Forza Italia intende finanziare con 15 milioni di euro dei cittadini italiani gli interventi chirurgici per il cambio di sesso per i prossimi tre anni.

“Ciascun parlamentare, nell’esercizio del mandato e assumendomene la responsabilità, è assolutamente libero di esercitare le proprie funzioni come meglio ritiene, ma non vedo come questa proposta possa essere funzionale a una manovra che Forza Italia ha chiesto fin dal primo momento fosse un manifesto per la crescita e la ripresa dopo questa drammatica pandemia.
Sarei stata decisamente critica rispetto a un simile emendamento qualora fosse stato presentato da un collega di altri gruppi. Con coerenza, non posso che esprimere un giudizio altrettanto duro anche in questa circostanza, augurandomi che venga quanto prima ritirato”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli