Fondi russi: al vaglio pm una ventina di telefonate di Meranda -2-_

Fcz

Milano, 10 gen. (askanews) - La donna, stando a quanto è filtrato, è una giornalista che lavora in Russia anche se la sua attività professionale non ha nulla a che vedere con le sommarie informazioni testimoniali rese ieri ai magistrati milanesi che l'hanno ascoltata per alcune ore in procura. Le domande degli inquirenti, sempre da quanto si è potuto apprendere, si sarebbero in particolare concentrate sulla fase organizzativa dell'incontro nella hall dell'hotel moscovita tra Savoini, Meranda, Vannucci e i tre russi che condussero la presunta trattativa finita al centro dell'inchiesta milanese.