Caso Metropol, "spunta 'pizzino' con la promessa del 4% alla Lega"

webinfo@adnkronos.com

Spunta un 'pizzino' nell'affaire Russiagate che rafforza la tesi della procura di Milano che indaga per corruzione internazionale nell'inchiesta sui presunti fondi russi alla Lega. Il progetto di acquisto del gasolio russo e i 65 milioni di dollari da piazzare nelle casse della Lega di Matteo Salvini, dopo essere stato discusso lo scorso 18 ottobre all'hotel Metropol di Mosca, sarebbe una bozza d'accordo nero su bianco. Il manoscritto è emerso dalle analisi sui telefonini sequestrati ai tre indagati italiani, come riportano La Repubblica e Il Fatto quotidiano. Un "papello" con le cifre dell'accordo, le percentuali da dividere tra la Lega e gli intermediari di Mosca - 4 per cento al partito di via Bellerio, 6 per cento ai russi - e una nota a margine indicata con la sigla "N.B." (Nota bene, ndr.).  

Per il procuratore aggiunto Fabio De Pasquale e i pm Sergio Spadaro e Gaetano Ruta, che indagano sulla trattativa, è questa la prova che l'accordo - anche registrato in un audio - è stato perfezionato, anche se probabilmente non si è poi concretizzato. La foto, che sarebbe stata scattata da Francesco Meranda - uno dei tre italiani al tavolo - è finita allegata in chat e spedita agli altri due presenti Gianluca Vannucci e Gianluca Savoini, ex portavoce del leader della Lega Salvini. Il documento è in sostanza un foglio sul quale sono appuntate le percentuali dell'eventuale spartizione rispetto al valore complessivo (1,5 miliardi di dollari) della compravendita di gasolio. Una spartizione che rafforza la tesi accusatoria che continua a spulciare nei documenti sequestrati ai tre indagati.  

"Apprendo la notizia dalla stampa. In mancanza di atti ufficiali non posso che ribadire la nostra serenità nell'attendere l'esito delle indagini" ha commentato all'Adnkronos Ersi Bozheku, legale di Francesco Meranda e Gianluca Vannucci.