Fonseca "Il mio futuro adesso non conta. Infortuni? Si gioca troppo"

Redazione
·1 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - "Non è importante il mio futuro, sono solo focalizzato sul presente. Quel che conta in questo momento è la Roma. Un tecnico esperto di calcio italiano nel mio staff? Non l'ho mai pensato". Queste le parole nella conferenza stampa pre Roma-Bologna di Paulo Fonseca che liquida le domande sul suo futuro da tecnico giallorosso. "Gli infortuni muscolari? È un problema di tutte le squadre che giocano tante partite e che hanno giocatori in Nazionale - prosegue il tecnico portoghese - Quello che succede alla Roma succede in tanti grandi club. È un calendario congestionato con tante partite, in questo momento si nota di più. È un problema che dobbiamo affrontare. Guardiola ne parla sempre, i giocatori non sono macchine". E sulla differenza di rendimento dei giallorossi tra Serie A ed Europa League aggiunge: "Sono due competizioni diverse, come ho detto prima della partita con l'Ajax, ma siamo stati quasi sempre in tutta la stagione nelle prime quattro della classifica. E ci sono mancati anche giocatori importanti". Aggiornamento poi sull'infermeria: "Sarà difficile avere Smalling contro l'Ajax. Mkhitaryan si è allenato oggi col gruppo ma non partirà dall'inizio contro il Bologna. Pastore? È stato fermo per tanto tempo, ho già parlato con lui e deve tornare a giocare nel momento e nel contesto giusto. Lui conosce il mio pensiero".

(ITALPRESS).