Fontana e Gallera dissero al Governo: "Decidete voi se chiudere"

·2 minuto per la lettura
audio inedito mancata zona rossa alzano nembro
audio inedito mancata zona rossa alzano nembro

“Decidete voi, se chiudere o meno”, così i vertici di Regione Lombardia al ministro Speranza lo scorso 4 marzo. Continua a tenere banco la mancata zona rossa ad Alzano e Nembro dello scorso marzo che ha portato, oggettivamente, a una crescita esponenziale della pandemia in Italia.

LEGGI ANCHE: Conte: “Alzano e Nembro? Ha deciso il governo. Abbiamo sbagliato? Non mi sottrarrò al giudizio

Nella giornata del 31 luglio il Corriere della Sera pubblica un audio inedito: si tratta di una conversazione, avvenuta giorno 4 marzo, tra il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, l’assessore al Welfare, Giulio Gallera, e il ministro della Salute, Roberto Speranza. L’incontro avviene a Milano con il governatore del Pirellone collegato in video perché in quarantena. Durante il colloquio si discute di tutto eccetto che dell’emergenza sanitaria ad Alzano e Nembro che ha, invece, priorità marginale.

GUARDA ANCHE - Chi è Giulio Gallera?

L’audio inedito sulla mancata zona rossa

Come riportano Ravizza e Sarzanini sull’edizione cartacea del Corriere della Sera i vertici della Lombardia parlano con cautela di istituire una zona rossa: “(…) Loro, e un altro interlocutore non identificato, appaiono consapevoli del tempo prezioso che si è già perso, preoccupati di quanto potrà accadere. Sanno che quei due paesi possono diventare il focolaio più esteso. Ma poi, al momento di stringere, si affidano alle valutazioni del governo. Chiedono ma non troppo. Senza insistere, e senza pretendere”.

Nell’audio inedito sulla mancata zona rossa ad Alzano e Nembro emerge come, per esempio, Gallera riferisca: “Alzano e Nembro… Voi volevate fare… secondo me, l’idea della zona rossa lì, al di là che dia il messaggio che magari non è perfettamente lì… però là c’abbiamo il secondo focolaio… sta crescendo e là non c’è la percezione perché chi abita lì… questi continuano a uscire, vanno in giro…”. E pur consapevoli della possibilità di un grande focolaio, i vertici di Regione Lombardia rimandano la decisione sulla zona rossa al Governo Conte.

GUARDA ANCHE - Coronavirus in Lombardia già a gennaio