Fontana (Eni): "Accordo per impianti sportivi a basso impatto ambientale"

·1 minuto per la lettura

“Per la riqualificazione energetica degli impianti sportivi interverremo su diversi fronti, dai pannelli fotovoltaici ai cappotti termici, fino ai serramenti”. Così Giorgio Fontana, responsabile Energy Services di Eni gas e luce, ha spiegato i dettagli dell’intervento che permetterà alle società calcistiche della Lombardia affiliate alla Lega Nazionale Dilettanti di dotarsi di moderne strutture per favorire il risparmio energetico e abbattere l’impatto ambientale. Il progetto, realizzato in accordo con Comitato regionale Lombardia e Corus, è stato presentato oggi a Milano.

“Si tratta di soluzioni su misura — ha precisato Fontana — ma in generale l’obiettivo è il salto delle tre classi energetiche, che otterremo con impianti fotovoltaici da 3 a 20 kw di potenza , sistema accumulo e pompe di calore; cappotti termici per isolare le strutture e ridurre lo scambio termico; nuovi serramenti alle finestre per ridurre la fuoriuscita di caldo/fresco provenienti dagli impianti di climatizzazione”.

I nuovi sistemi di illuminazione a led, installati sulle torri-faro dei campi, avranno una vita utile di circa 20 anni e minori costi di manutenzione, permettendo — secondo l'azienda — un risparmio del 70% sul consumo medio di 16.000 euro che, ogni anno, una società di calcio dilettantistica lombarda spende per l’illuminazione. “I vantaggi del superbonus 110%, — che il DL 34/2020 (Decreto Rilancio) ha esteso alle società sportive, ndr — consentirà un risparmio sulla bolletta energetica del 30-40% sulla bolletta relativa all'acqua calda e alla climatizzazione degli ambienti”, ha concluso Fontana.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli