Fontana (M5s): criteri nazionali per aree non idonee a impianti rifiuti

Pol/Gal

Roma, 2 ott. (askanews) - "La Camera ha approvato un Ordine del Giorno a mia prima firma collegato all'esame della delega al Governo per il recepimento delle direttive UE in materia di economia circolare, che impegna all'individuazione di criteri generali per le aree non idonee alla localizzazione di impianti di smaltimento rifiuti. Il testo varato in Aula pone già alcuni vincoli alle pianificazioni regionali in materia di rifiuti, escludendo ad esempio le aree a rischio di dissesto idrogeologico e quelle dove è già elevato il carico ambientale, vale a dire la concentrazione di inquinamento e attività impattanti". Lo afferma la portavoce del MoVimento 5 Stelle Ilaria Fontana, capogruppo in commissione Ambiente alla Camera dei deputati.

"Con questo passaggio ulteriore legato all'ordine del giorno approvato puntiamo a colmare una lacuna nella normativa nazionale che, pur attribuendo la competenza allo Stato, non aveva finora mai affrontato nel dettaglio la necessità di tutelare le aree più sature dal punto di vista ambientale e di rendere omogenei i criteri attraverso i quali Regioni e province individuavano le aree idonee ad ospitare impianti di trattamento rifiuti", conclude Fontana.