La lettera di Fontana alla Procura: "Sui vaccini antinfluenzali pronto ad assumermi responsabilità"

Adele Sarno
·Social media editor, L'Huffington Post
·1 minuto per la lettura
Italy's Lombardy Governor Attilio Fontana puts on a protective mask as he announces on Facebook that he has placed himself in quarantine after one of his aides tested positive for coronavirus, in this still image taken from social media video in Milan, Italy, February 26, 2020. Attilio Fontana Facebook Live/REUTERS TV via REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE HAS BEEN SUPPLIED BY A THIRD PARTY. (Photo: Reuters TV / Reuters)
Italy's Lombardy Governor Attilio Fontana puts on a protective mask as he announces on Facebook that he has placed himself in quarantine after one of his aides tested positive for coronavirus, in this still image taken from social media video in Milan, Italy, February 26, 2020. Attilio Fontana Facebook Live/REUTERS TV via REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE HAS BEEN SUPPLIED BY A THIRD PARTY. (Photo: Reuters TV / Reuters)

Sulla difficoltà di reperire i vaccini per l’influenza, il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, è pronto ad assumersi “in prima persona” tutte le responsabilità derivanti da un acquisto “a trattativa privata, superando l’obbligo della gara pubblica”. E’ questo il senso della lettera che il governatore, tramite i suoi legali, ha inviato alla procura di Milano per portarla “a conoscenza” dello stallo nell’acquisto dei vaccini. “Ho semplicemente voluto rassicurare Aria sulle eventuali successive responsabilità, che mi sarei assunto in prima persona”, spiega Fontana attraverso il pool dei suoi avvocati.

“In un momento di preoccupazione per il problema vaccini ho inteso portare a conoscenza della procura la situazione di stallo determinata dalla difficoltà da parte di Aria di far rientrare l’acquisto dei vaccini nella disciplina dell’emergenza Covid”, afferma Fontana attraverso il pool dei suoi legali.


“Per esigenze di tempestività in una situazione complicatissima per il mercato dei vaccini, si trattava di acquistarne un quantitativo a trattativa privata superando l’obbligo della gara pubblica -prosegue il governatore -.
Attraverso il mio avvocato, ho quindi semplicemente voluto rappresentare questo paradosso ai magistrati per rassicurare Aria sulle eventuali successive responsabilità, che mi sarei assunto in prima persona”.

“L’approvvigionamento dei vaccini, così come di altre forniture pubbliche, è di responsabilità esclusiva della pubblica amministrazione. La Procura non ha alcun ruolo al riguardo. Non è quindi la magistratura che blocca l’azione amministrativa”. Così il procuratore aggiunto Maurizio Romanelli, precisando che la Procura “si limita a considerazioni generali” e non intende replicare alla lettera inviata dal ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.