Fontana srive alla Ue: no a riduzione tempi di spesa fondi pmi

Tor

Roma, 6 ago. (askanews) - No alla riduzione dei tempi per la spesa dei fondi strutturali. Accogliendo una richiesta avanzata da diverse Regioni, il Ministro per gli Affari Europei Lorenzo Fontana ha cofirmato oggi una lettera - indirizzata ai Commissari Margrethe Vestager e Johannes Hahn - chiedendo di "mantenere la proroga al 31 dicembre 2023 per completare l'attuazione'attuazione degli investimenti in corso a favore, soprattutto, delle piccole e medie imprese, investimenti cofinanziati dalle stesse Regioni e da alcune Amministrazioni centrali".

Nei mesi scorsi la Commissione aveva infatti proposto di anticipare la scadenza di un anno, fissandola alla fine del 2022. La posizione italiana, illustrata e motivata nella lettera sottoscritta dal Ministro Fontana, è sostenuta anche da altri Paesi europei.

"Chiedo che le regole non siano cambiate in corsa - dice il Ministro Fontana -, per mettere le Regioni nelle condizioni di non perdere risorse importanti. Risorse - precisa Fontana - che è necessario investire per la crescita e l'occupazione".