“Food Wizards”, un cartoon che insegna a mangiare bene divertendo

featured 1669668
featured 1669668

Roma, 11 nov. (askanews) – Insegnare ai bambini a mangiare in modo sano fin da piccoli. Con il cartone “Food Wizards”, 26 episodi in onda tutti i giorni su RaiYoyo dal 14 novembre (disponibile in boxset e in anteprima su RaiPlay dall’11 novembre). Un progetto nato dall’incontro tra la dottoressa Sara Farnetti, esperta di medicina funzionale, l’attrice e mamma Luisa Ranieri e lo sceneggiatore di fumetti Roberto Gagnor. Tra i produttori c’è anche Luca Zingaretti con la società che ha con la moglie.

“L’idea di un cartone sul cibo venne tre o quattro anni fa a mia moglie parlando con la dottoressa Farnetti, noi eravamo suoi pazienti, stavamo seguendo il suo regime alimentare e ne stavamo traendo grandi benefici e da genitori di bambini piccoli ci dicemmo quanto sarebbe stato bello se i nostri figli imparassero subito le abitudini alimentari consone per loro”.

Luisa Ranieri: “È importante perché è un cartone che parla di educazione, vuole educare mentre sta divertendo i nostri figli ed è importante anche per i genitori perché vuole educare su quelle che saranno le scelte che faranno per i loro figli”.

Gli eroi del cartone sono Ginny Ham e PC, tre bambini sempre a caccia di avventure. Un giorno Ginny scopre che il nonno è l’ultimo dei Food Wizards, magici guerrieri che salvano il mondo a colpi di cibo. Ma per combattere i mostri del metabolismo serve anche il loro aiuto.

La dottoressa Sara Farnetti: “E’ essenziale capire per noi che il cibo è il primo strumento, possiamo dialogare con il nostro corpo, con gli organi, seguendo una logica ormonale, ci allontaniamo da una logica calorica, è essenziale capire come funziona il cibo dentro di noi. Il bambino deve ritrovare nel cibo che mangia la gioia non solo perché è buono ma perché funziona bene e si immagina l’effetto nel proprio corpo”.

Food Wizards è coprodotto da Rai Kids – Zocotoco srl – Mad Entertainment. È interamente made in Italy ed è stato realizzato con il sostegno del Mic e co-finanziata dalla Regione Campania con la collaborazione della Film Commission Regione Campania e si avvale di una distribuzione internazionale Rai Com.