Forattini(Pd): su caldaie da Lombardia servono fatti, non parole

Red-Asa

Milano, 30 gen. (askanews) - "Ha ragione il sindaco di Milano Sala: le vecchie caldaie a gasolio prima o dopo dovranno essere dismesse. A questo punto, meglio subito e in questo Regione Lombardia dovrebbe mettersi al fianco del primo cittadino del capoluogo lombardo". Lo ha scritto in una nota Antonella Forattini, consigliere regionale del Pd in Lombardia, capogruppo in VI Commissione Ambiente.

La Forattini chiede "fatti non parole, quelle che piacciono tanto all'assessore negazionista Cattaneo. Sempre pronto a smarcarsi dalle sue competenze, salvo poi adottare misure in linea a quanto gli viene chiesto dal Pd".

"Sono un dato accertato i 22 milioni di euro messi a disposizione dal Comune di Milano per sostituire le caldaie fuori norma, come è altrettanto vero che le risorse da mettere a disposizione per la sostituzione delle auto inquinanti, la Regione non li abbia ancora messi. L'assessore è, come sempre, in attesa che altri, in questo caso lo Stato, gli dia le risorse" ha concluso evidenziando che, a suo parere, "non c'è un euro in più messo da Regione Lombardia per migliorare il clima".