In forma dopo l'estate? Ecco la "dieta del rientro"

Cro-Mpd

Roma, 25 set. (askanews) - In vacanza, si sa, ci si concede qualche libertà in più… soprattutto a tavola: pranzi, cene, spuntini fuori pasto, il più delle volte a base di cibi grassi o ricchi di zuccheri, che possono mettere a dura prova la linea. Ecco perché, terminate le ferie, sempre più Italiani (oltre il 50%) dichiarano di aver bisogno di smaltire i chili di troppo accumulati nel periodo di riposo ed adottano un regime dietetico per "disintossicarsi" dagli stravizi, dai tanti (troppi) cibi consumati, dalle tante (troppe) calorie assunte. In questo scenario, i prodotti surgelati possono rappresentare un valido alleato di un'alimentazione sana e attenta al contenuto calorico, senza cadere nella monotonia o nella ripetitività: ecco perché l'IIAS - Istituto Italiano Alimenti Surgelati - in collaborazione con un'esperta nutrizionista, Elisabetta Bernardi, ha messo a punto un vademecum di consigli utili per alimentarsi in modo equilibrato, chiamando in aiuto i prodotti "sottozero" - soprattutto vegetali e ittici - entrambi "amici della linea".

E di fatto, già da alcuni anni ormai, negli Stati Uniti ad esempio - Paese da sempre all'avanguardia sulle ultime novità in materia di fitness e di tendenze food - spopolano diete a base di ingredienti surgelati preparate da chef e nutrizionisti, come il piano alimentare studiato dall'American Frozen Food Institute (AFFI): un menù settimanale equilibrato e vario, da circa 1200 calorie giornaliere, che include molti piatti a base di verdure "sottozero" e di pesce surgelato, con un buon apporto di grassi polinsaturi e un basso valore di colesterolo. Una dieta che, tra gli americani, ha già riscosso grandi consensi… Il motivo di tale successo è semplice: i prodotti surgelati, soprattutto quelli "al naturale", si rivelano ideali per favorire il controllo delle quantità di cibo assunte e quindi del peso; consentono di seguire facilmente una dieta diversificata, equilibrata e poco calorica (garantendo la disponibilità di pesce, frutta e verdura tutto l'anno) e sono infine convenienti e rapidi da preparare: giusto il tempo di aprire il freezer, scegliere quel che si vuole mangiare e saltarlo direttamente in padella oppure scaldarlo in forno o nel microonde.

E in Italia questo successo è testimoniato anche dai più recenti dati di consumo di frozen food, resi noti dall'IIAS: nel 2018, infatti, nel nostro Paese sono state acquistate oltre 838.580 tonnellate di prodotti "sottozero", con vegetali e ittici in pole position, i cui consumi hanno toccato rispettivamente le 398.310 e le 112.700 tonnellate. In particolare, i vegetali sono in testa ai consumi dell'intero comparto (con il 47,5% del totale), a conferma della capacità di questo segmento di soddisfare pienamente le richieste dei consumatori in termini di benessere, nutrizionalità e servizio, con un'offerta che risponde anche alle più recenti tendenze/mode alimentari in voga (vegetarianismo, veganismo…). Mentre l'ittico si conferma il secondo segmento di categoria: soprattutto i prodotti "al naturale", il mollame e i crostacei vengono apprezzati per la qualità, la disponibilità, l'ampia scelta e l'alto contenuto di servizio, essendo subito pronti al consumo e senza sprechi.