Formazione continua, le imprese campane se la pagano da sole

webinfo@adnkronos.com

Milano, 5 novembre 2019 - Le imprese campane credono nella formazione, ma preferiscono finanziarsela autonomamente: sebbene il 57% delle imprese ritenga la formazione continua un’opportunità, solo il 32.2% delle imprese riesce a pianificare gli interventi formativi con una strategia annuale e quando la effettua, lo fa prevalentemente con risorse proprie senza agevolazioni (86.4%). Sono questi i risultati della ricerca realizzata da APAIE Napoli per FondItalia, Fondo Paritetico interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua su di un campione di 236 aziende, situate principalmente tra Napoli e Caserta, appartenenti alle categorie di microimpresa (178), piccola impresa (54) e media impresa (4).  

“Dall’indagine si evidenzia una sorta di disaffezione da parte degli imprenditori campani a inserirsi nei canali di finanziamento regionali – spiega Francesco Franco, Presidente di FondItalia che continua - Manca la fiducia sulle possibilità di finanziamento della formazione continua, sfiducia da imputare certamente alla carenza di informazioni in merito, alla farraginosità delle procedure per l’accesso alle risorse e alla scarsa sincronizzazione fra domanda e offerta. Tuttavia, c’è interesse rispetto a un possibile beneficio derivante da una collaborazione tra FondItalia e Regione Campania.” 

Dall’indagine inoltre emerge che il 95% delle imprese conferma di svolgere periodicamente percorsi formativi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro come previsto dalla normativa vigente, per l’erogazione di interventi formativi per i propri dipendenti e collaboratori l’88% delle imprese ha richiesto il supporto di agenzie formative presenti sul proprio territorio e solo il 37% ha provveduto direttamente. Fronte digitale, l’interesse delle micro e piccole imprese resta del tutto freddo: il 67% non ha intenzione di avvalersi di processi formativi finalizzati alla diffusione del digitale nel proprio contesto produttivo con il rischio di emarginazione dal processo di sviluppo in essere. 

Contatti: 

http://www.fonditalia.org