Formazione, Federpol: al via giro d'Italia delle competenze

(Adnkronos) - Ai nastri di partenza, il 9 settembre a Bologna, il ricco calendario di lezioni in aula e a distanza di Federpol, l'associazione dal 1957 delle agenzie investigative e degli operatori di sicurezza, alla quale il presidente Luciano Ponzi ha dato forte impulso. La formazione continua è un tratto distintivo del modello dell'agenzia di investigazioni 4.0 a passo con strumenti informatici, tecnologici e digitali.

Ricco il calendario di date che scandiscono l'esigenza della formazione continua e contenuti al passo con le esigenze del settore, curati dal direttore Roberto Mugavero a capo di Osdife l'osservatorio sulla difesa promosso con l'università di Roma 'Tor Vergata'. Le date realizzano un originale giro d'Italia in nome della alta formazione, professionalizzante: dopo Bologna il 9 settembre, Napoli 21 ottobre, Ghedi 28 ottobre dedicata al Tiro operativo difensivo, Firenze 11 novembre, Varano de Melegari 18 novembre per il corso di guida sicura e veloce Venezia, 2 dicembre e già annunciati 3 appuntamenti al 2023, il 13, 20 e 27 gennaio per la formazione a distanza.

La formazione targata Federpol mira ad accrescere il valore degli agenti investigativi e ad alimentare quel vivaio di risorse umane che così traggono da questa iniziativa la possibilità di formarsi e prepararsi alle sfide di una professione in cambiamento, sempre carica di fascino. Certo, nell'economia della conoscenza con la rivoluzione digitale e la globalizzazione dei mercati tutte le professioni sono in continuo cambiamento. Ma quale associazione rappresentativa si distingue sul terreno della formazione e dell'investimento culturale al netto di dichiarazioni e slogan? Solo i migliori ordini professionali nel Paese realizzano formazione continua, ma quella di Federpol è volontaria e vede sempre vasta partecipazione. Questo denota un buon livello di consapevolezza tra gli aderenti Federpol che solo attraverso la formazione si può costruire valore per sé e per il cliente.