Fornitore taiwanese di Apple e Tesla taglia personale in Cina

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 19 mar. (askanews) - Delta Electronics, un importante fornitore taiwanese di componenti elettrici per Apple e Tesla, ha annunciato di aver tagliato del 40 per cento il personale nelle sue strutture produttive in Cina. Lo scrive oggi il Financial Times.

Alla base della decisione ci sono fattori concomitanti: la guerra commerciale Cina-Usa e l'aumento del costo del lavoro nella Repubblica popolare, che spinge l'azienda a delocalizzare ulteriormente in India e nel Sudest asiatico.

"Il nostro obiettivo è quello di ridurre la forza lavoro del 90 per cento. Non siamo ancora a questo punto, l'abbiamo ridotta del 40 per cento", ha affermato il presidente di Delta Yancey Hai.

I fornitori taiwanesi di Apple e degli altri importanti marchi statunitensi dell'elettronica sono sensibili alla richiesta di Washington al proprio sistema d'imprese di diversificare le forniture non dipendendo troppo da fabbriche cinesi. Nello stesso tempo, però, hanno qualche problema a delocalizzare repentinamente la loro produzione altrove, nel timore di irritare Pechino e alienarsi un mercato enorme.

Delta ha registrato lo scorso anno 10 miliardi di dollari di vendite, fornendo ventole di raffreddamento per computer, invertitori fotovoltaici e apparecchiature per l'automazione industriale e motori per le auto elettriche. Nel 2019, dopo che gli Usa hanno imposto dazi del 25 per cento su molti di questi prodotti, ha riportato a Taiwan e spostato in Thailandia parte della produzione. Sta inoltre costruendo in India grandi fabbriche.

Accanto alla guerra commerciale, c'è poi il fatto che in Cina il costo del lavoro è in salita. "Riguarda alla Cina il problema è che, al di là della guerra commerciale con gli Usa, non è più un buon posto dove fare manifattura", ha sostenuto Hai al Ft.

L'esempio è quello di Dongguan dove, rispetto ai primi anni '90, quando Delta fece i primi investimenti, il costo del lavoro si è decuplicato. E, a dire di Hai, c'è un forte turnover della forza lavoro.