Forza Italia alla resa dei conti

webinfo@adnkronos.com

Come in un gioco dell'oca, Forza Italia si ritrova alla casello zero. Con i due coordinatori nazionali, il tandem d'attacco Toti-Carfagna, nominato due mesi fa per rivoluzionare il partito, sconfessato dal loro leader a mezzo comunicato stampa. Tutto accade in pochi minuti. Poco dopo le 16 di ieri, una nota annuncia la proposta unitaria di modifica dello statuto azzurro, ''approvata a maggioranza'' dal 'tavolo delle regole', che prevede primarie per i soli iscritti e pieni poteri al Cav sulle liste elettorali e l'indirizzo politico del partito, ovvero il contrario di quanto chiesto dai 'totiani'. A stretto giro di posta arriva, a sorpresa, anche un'altra nota, 'firmata' stavolta, Silvio Berlusconi, che lancia un nuovo 'coordinamento nazionale' a 5 senza Toti (al suo posto c'è Sestino Giacomoni) per gestire la fase transitoria fino al Congresso nazionale.Una doppia mossa, un vero e proprio uno-due, sotto la regia di Arcore, per rivendicare la leadership del Cav (della serie 'il partito sono e resto io'), che di fatto, in un sol colpo, 'esautora' il governatore ligure e la vicepresidente della Camera. Mentre Toti se lo aspettava, Carfagna non la prende affatto bene, forse convinta di poter diventare 'coordinatore unico' come gli aveva fatto intendere l'ex premier in un colloquio telefonico.  

''Io non farò parte di un comitato di liquidazione, il coordinamento nazionale è una scelta in direzione esattamente contraria alle intenzioni che mi ha manifestato Berlusconi,credo che questo sia il modo migliore per uccidere Fi'', tuona l'ex ministro delle Pari Opportunità con un comunicato scritto di suo pugno, spiazzata e imbarazzata dalla scelta del suo leader. Parole di fuoco all'indirizzo del presidente azzurro, mai sentite dalla bocca di una berlusconiana doc, da sempre considerata una delle pupille del Cav. Non a caso, in Transatlantico, a Montecitorio, tutti parlando di resa dei conta interni e di guerra aperta tra correnti. Carfagna, raccontano, non ci sta e studia le contromosse per provare a uscire dall'angolo.Chiusa nel suo studio a Montecitorio, vede non solo i fedelissimi, i cosiddetti sudisti, ma anche tanti parlamentari, che gli chiedono di non mollare. Si pensa a un documento, per fare quadrato attorno a Carfagna e per rimarcare il proprio progetto di rilancio del partito, presentato all'ultima riunione del board.