Forza Italia, malumori nell'ala sovranista? Parla Berlusconi

Primo Piano
·2 minuto per la lettura

Mariastella Gelmini, Mara Carfagna e Renato Brunetta sono i tre nomi di Forza Italia scelti per il governo Draghi ma nelle scorse ore erano circolate voci di presunti malumori all’interno di Forza Italia per la scelta di inserire nella squadra dei ministri del governo Draghi tre ministri del fronte moderato anti-sovranista.

In un'intervista al Corriere della Sera, l'ex premier ha dichiarato: “Il governo è stato costruito dal presidente Draghi che ha ritenuto di indicare ministri a lui graditi al di là delle indicazioni dei partiti. Del resto, è quello che io stesso gli avevo suggerito. D'altra parte, ha aggiunto, “sono sicuro della qualità dei ministri di FI, ognuno di loro è parte della nostra storia e ha l’esperienza, la competenza, la passione civile necessarie per svolgere un ottimo lavoro in questa fase – ha aggiunto -. Sottolineo anche con orgoglio che FI esprime la maggiore presenza femminile nel governo. Due su tre dei nostri ministri sono donne”.

GUARDA ANCHE - Berlusconi: Governo Draghi durerà "per il tempo necessario"

Sui presunti malumori interni al partito, Berlusconi ha specificato: “Non esiste da noi un’ala ‘moderata’ contrapposta ad un’ala ‘sovranista’. Tutta FI è parte del centrodestra che noi abbiamo fondato e non c’è nessuna differenziazione”.

Nel centrodestra FI non è subordinata a nessuno, anzi ambisce a tornare a svolgere una funzione trainante, non solo politicamente ma anche sul piano dei numeri. Abbiamo un ruolo ben distinto da quello dei nostri alleati, per cultura, stile politico, valori di riferimento”, ha continuato. “Siamo liberali, cattolici, europeisti, garantisti. Ci siamo opposti al governo Conte, pur mantenendo un atteggiamento responsabile. Dal primo giorno della crisi abbiamo chiesto una soluzione di unità nazionale come quella che si è realizzata dando vita al governo Draghi, al quale abbiamo assicurato dal principio pieno e convinto sostegno. Sfido a indicare qualcuno fra noi che non abbia condiviso o non si riconosca oggi in qualcuna di queste scelte”.