Forza Italia si accoda a Salvini. Tajani: "Verifica in 10 giorni sul coprifuoco"

Lorenzo Santucci
·Contributor
·2 minuto per la lettura
08/04/2021 Roma, convegno le nuove reti per l'Industria Italiana, nella foto  Antonio Tajani (Photo: Cristiano MinichielloMinichiello / AGF)
08/04/2021 Roma, convegno le nuove reti per l'Industria Italiana, nella foto Antonio Tajani (Photo: Cristiano MinichielloMinichiello / AGF)

“Forza Italia chiede che nel giro di una settimana, dieci giorni si verifichi la situazione della pandemia nel nostro paese e si possa spostare, se le condizioni lo permetteranno, il termine della chiusura dalle 22 alle 23”. Con le parole del coordinatore nazionale Antonio Tajani, anche Forza Italia si accoda alla richiesta del leader Matteo Salvini di rivedere l’orario sul coprifuoco. Intervenuto in un punto stampa con i giornalisti a Bruxelles, in merito all’astensione della Lega, Tajani ha spiegato che “c’è stato un dibattito. Anche noi chiedevamo di chiudere alle 23, non alle 22, poi c’era una maggioranza che puntava alle 22. È ovvio che per noi la stabilità del governo è fondamentale, anche perchè ora si deve discutere del Recovery. Però riteniamo giusto che si faccia un’ulteriore verifica e, se positiva, cioè se la pandemia continua a decrescere, si decida da subito di anticipare le scelte e quindi di passare dalle 22 alle 23 per quanto riguarda le chiusure”.

L’eurodeputato ha però confermato come “noi convintamente sosteniamo questo governo. Non pensiamo assolutamente a indebolirlo. Lo indebolisce semmai chi solleva problemi che nulla hanno a che vedere con la guerra contro il coronavirus. Dobbiamo lavorare perché ci siano delle soluzioni che diano risposte concrete ai cittadini italiani”, continua Tajani. ”È ovvio che bisogna fare una sintesi, ma credo che anche gli scienziati del Comitato scientifico che segue l’evolversi della pandemia debbano convincersi che magari allungando di un’ora i tempi di apertura si possono diluire le presenze. E, quindi, questo allungamento, se, come tutti siamo convinti, la pandemia migliorerà, agevolerà non soltanto le imprese, il mondo del commercio, dell’artigianato e in particolare della ristorazione, ma anche cittadini italiani che pot...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.