4 / 10

Strauss Kahn

Strauss-Kahn
A metà maggio Dominique Strauss-Kahn, a seguito dell’accusa di stupro ai danni di una cameriera dell’albergo di cui era ospite a New York, ha rassegnato le dimissioni dalla sua posizione di Direttore Generale del Fondo Monetario Internazionale. Lo ha fatto con una lettera triste e appassionata in cui proclama la sua innocenza. Difficile credergli. La vicenda è stata sotto tutti i riflettori per molto tempo e ha messo una pietra tombale sulla carriera del maggior candidato alla premierato francese.

I Dimissionari

Quando l’anno finisce si tende a celebrare chi passa a miglior vita o chi ottiene qualche memorabile successo. Ma come in tutto le cose ci sono anche le mezze stagioni, i mezzi successi e i mezzi fallimenti, i piccoli cambiamenti, che in politica non sono le grandi sconfitte elettorali ma le dimissioni. Presidenti che non presiedono più, piccoli dittatori deposti silenziosamente e senza l’uso delle armi, governanti che non hanno più il consenso del Parlamento. Ecco i dimissionari più significativi del 2011.