Processo Breivik, il killer piange