Fraccaro: aglio eletti riforma storica, passiamo ai fatti

Pol/Bac

Roma, 25 set. (askanews) - "Il taglio dei parlamentari sarà in Aula alla Camera il 7 ottobre per l'approvazione definitiva: segnate la data sul calendario perché quello sarà il giorno in cui manterremo la nostra promessa di varare una riforma storica, dimostrando così che i bisogni del Paese vengono prima delle poltrone. È da trent'anni che tutte le forze politiche dicono di voler ridurre il numero di deputati e senatori: ora passiamo dalle parole ai fatti". Lo scrive su Facebook il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro.

"Sono orgoglioso di aver seguito, da ministro, l'iter di una riforma - sottolinea - che abbiamo portato avanti per rendere il Parlamento più efficiente e in grado di rispondere meglio alle istanze dei cittadini. Abbiamo ottenuto - aggiunge - l'appoggio quasi unanime delle forze politiche perché è chiaro a tutti che istituzioni più snelle possono lavorare meglio. Manca solo un passaggio perché la riforma sia realtà, consentendoci così di risparmiare ben 500 milioni di euro ogni legislatura. Il taglio dei parlamentari sarà il primo atto politico forte di questa maggioranza il cui obiettivo sarà - conclude Fraccaro - mettere da parte gli slogan e dimostrare, con i risultati concreti, che ora al centro ci sono gli interessi dei cittadini. È un nuovo inizio per l'Italia", conclude.

  • Silvio Muccino oggi: “Ha lasciato il set e lavora il legno”
    Notizie
    Style 24

    Silvio Muccino oggi: “Ha lasciato il set e lavora il legno”

    Cosa fa oggi Silvio Muccino? Stando a quanto sostiene Chi, ha deciso di dedicarsi ad una delle sue più grandi passioni: di che si tratta?

  • Camion di pietre contro autobus di studenti: morti in 12
    Notizie
    notizie.it

    Camion di pietre contro autobus di studenti: morti in 12

    Tragedia in Slovacchia: un camion carico di pietre si è scontrato con un autobus di studenti. Il bilancio è drammatico

  • Gruber-Meloni, lite in diretta: "Le tolgo l'audio"
    Notizie
    Adnkronos

    Gruber-Meloni, lite in diretta: "Le tolgo l'audio"

    "Non c'è ambiguità nella destra italiana?". Lite in diretta fra Lilli Gruber e Giorgia Meloni su La7 dopo una domanda sull'antisemitismo. A far scattare la giornalista, la risposta della leader di Fratelli d'Italia: "Forse - ha replicato Meloni - c'è ambiguità nella sinistra italiana, che se ci fosse stata la parola Israele nelle mozione Segre non l'avrebbe votata". Una risposta fuori tema per Gruber, indispettita dalla mossa di Meloni, che per rafforzare la tesi tira fuori gli screenshot dei tweet di Chef Rubio contro Israele e di Michele Anzaldi di Italia Viva, che ha chiesto per Rubio un programma in Rai. "Io penso di avere il dovere di farle delle domande, e siccome oggi ho ospite una rappresentante della destra italiana chiedo delle questioni attinenti...", sbotta Gruber intimando: "Le faccio togliere l'audio! Mi faccia finire che già facciamo tardissimo e mi licenziano, per cui - continua - le faccio le domande sulla destra italiana su cui non ha risposto... ha detto che vanno bene i citofoni", la stoccata, in riferimento al video - poi rimosso - in cui due esponenti di Fratelli d'Italia leggono nomi e cognomi dei migranti assegnatari delle case popolari sui citofoni di alcuni palazzi di Bologna."Ma che c'entrano i citofoni col sionismo? Lei - attacca Meloni - sta facendo molta confusione! Su questa cosa mi indispettisco, lei sta facendo delle accuse verso di me verso la destra italiana". "No - la replica di Gruber, che chiude lo scontro -, mi indispettisco io e non sto facendo accuse... ha fatto tutto lei".

  • Monica Bellucci ha un difetto fisico: la foto
    Notizie
    notizie.it

    Monica Bellucci ha un difetto fisico: la foto

    VIDEO - 'Che imbarazzo': Maledetti amici miei, il bacio a Haber e le frasi su Monica Bellucci: le critiche Monica Bellucci, quale difetto fisico?

  • Lega boccia proposta pro clima a Venezia: poco dopo aula allagata
    Notizie
    notizie.it

    Lega boccia proposta pro clima a Venezia: poco dopo aula allagata

    L'aula del Consiglio Regionale che ha sede a Venezia si è allagata poco dopo la bocciatura di alcuni emendamenti pro clima.

  • John Legend è l’uomo più sexy del mondo secondo People
    Notizie
    Style 24

    John Legend è l’uomo più sexy del mondo secondo People

    John Legend è l'uomo più sexy del mondo: incoronato da People ha ereditato il titolo da un carissimo amico.

  • Chiude lo stabilimento Sammontana di Pomezia: 96 dipendenti a rischio
    Notizie
    notizie.it

    Chiude lo stabilimento Sammontana di Pomezia: 96 dipendenti a rischio

    Sono 96 i dipendenti che rischiano il licenziamento per la chiusura dello stabilimento Sammontana di Pomezia: la situazione è grave.

  • Acqua alta a Venezia, marea distrugge storica edicola sulla Giudecca
    Notizie
    notizie.it

    Acqua alta a Venezia, marea distrugge storica edicola sulla Giudecca

    L'acqua alta che ha investito Venezia nella serata di martedì ha trascinato via anche la storica edicola di Walter Mutti sul canale della Giudecca.

  • Malena rischia una denuncia per atti osceni in luogo pubblico
    Notizie
    notizie.it

    Malena rischia una denuncia per atti osceni in luogo pubblico

    La famosa attrice Malena fa parlare di sé. Rischia la denuncia insieme ai colleghi Nacho Vidal e Cristian Clay per via di un film.

  • Michele Giarrusso, senatore M5S: “C’è la fila per cacciare Di Maio”
    Notizie
    notizie.it

    Michele Giarrusso, senatore M5S: “C’è la fila per cacciare Di Maio”

    Durante un'intervista, Michele Giarrusso, risponde ad alcune domande su Zingaretti e sul leader M5S Luigi Di Maio.

  • I Måneskin si trasfericono a Londra
    Notizie
    Askanews

    I Måneskin si trasfericono a Londra

    Roma, 13 nov. (askanews) - I Måneskin, band rivelazione delle ultime edizioni di X Factor Italia. scelgono Londra non semplicemente per mettere in scena un live, il prossimo 28 novembre al The Dome, ma, rivela Londra'Italia, per viverci proprio e dare continuità alla loro vena artistica.

  • Come funziona e a che punto è il Mose
    Notizie
    AGI

    Come funziona e a che punto è il Mose

    Il Mose (MOdulo Sperimentale Elettromeccanico) è una complessa opera ingegneristica che separa la laguna di Venezia dal Mare Adriatico scongiurando alluvioni durante l'alta marea. Una volta ultimato, dovrebbe essere composto complessivamente da 78 paratoie mobili installate nelle tre bocche di porto lagunari: Lido, Malamocco e Chioggia.I lavori per la sua realizzazione sono cominciati nel 2003, quando era presidente del Consiglio Berlusconi. Nel 2014, il Consorzio Venezia Nuova (Cvn) – concessionario del ministero delle Infrastrutture per la realizzazione dei lavori – è stato commissariato dallo Stato, visto che vari suoi membri erano stati coinvolti dalle indagini della magistratura per aver ricevuto fondi illeciti e avevano patteggiato la pena. Da allora si sono succeduti diversi commissari, ma torniamo alla dichiarazione del ministro dell'Interno.Durante l'audizione alla Camera del 26 luglio 2018 l'ingegner Francesco Ossola, amministratore straordinario del Cnv, aveva infatti dichiarato (min. 01:01) che “ad oggi, sono completate le opere per una percentuale del 93 per cento”.L'opera è stata pensata negli anni '80 per difendere Venezia e la sua laguna dall'acqua alta superiore ai 110 centimetri. Il sistema di dighe mobili, la cui realizzazione è stata autorizzata dal 'Comitatone' del 3 aprile 2003 e i cui lavori sono partiti lo stesso anno a opera del Consorzio Venezia Nuova, che operava per conto del Magistrato delle Acque di Venezia, emanazione del ministero delle Infrastrutture.Il 12 ottobre 2014, alla bocca di porto del Lido-Treporti, una delle tre che permettono l'ingresso in laguna, furono per la prima volta sollevate quattro delle 78 paratie che dovranno difendere la città grazie a un un meccanismo fatto di cassoni di alloggiamento in cemento armato, cerniere e, appunto, paratie. Il costo complessivo dell'opera è di qausi 7 miliardi di euro e avrebbe dovuto essere completata entro il 2016.Al sistema idraulico di paratie mobili che stanno appoggiate invisibili sul fondo delle bocche di porto e si alzano con l'alta marea, riempite diaria compressa si affianca la sede operativa all'Arsenale, che già dal 2012 è in grado di fornire previsioni sul meteo e sulle maree con un anticipo di 3 giorni.

  • Mostre: a Trieste la prima dedicata a Gillo Dorfles dopo la sua morte
    Notizie
    Adnkronos

    Mostre: a Trieste la prima dedicata a Gillo Dorfles dopo la sua morte

    Al via da domani a Trieste il primo evento espositivo dedicato a Gillo Dorfles dopo la sua morte, avvenuta a Milano il 2 marzo 2018. La mostra artistico/documentaria "Il segno rivelatore di Gillo", ideata e curata da Marianna Accerboni e promossa dall’associazione culturale Gillo Dorfles, fondata da poco nella casa/studio del grande artista, non a caso viene proposta a Trieste, dove Dorfles era nato nel 1910 ed era vissuto fino a tutta l’adolescenza, rimanendo sempre molto legato alla sua città d’origine, in cui si era formato nell’ambito del ricco scenario culturale dell’epoca, a contatto con personaggi come Umberto Saba, Italo Svevo, Leonor Fini, Leo Castelli, Bobi Bazlen. La rassegna intende offrire un’immagine inedita del grande estetologo e pittore, puntando a svelarne l’aspetto più ironico, giocoso e privato. Saranno esposte 130 opere di Dorfles, per la maggior parte disegni e incisioni, tra cui vari inediti, alcuni dei quali creati apposta per i nipoti Giorgetta e Piero bambini, come la serie degli animali fantastici. Sarà presente pure il raffinato design di Dorfles: esposti tra gli altri, un raro ciclo di eleganti disegni per stoffe degli anni Trenta e Cinquanta, un servizio di tazze disegnate per la Illy Art Collection, un manifesto pubblicitario per il tartufo d’Alba e quello per La Barcolana, un prezioso gioiello e il bozzetto per dei mosaici realizzati dalla Scuola Mosaicisti del Friuli di Spilimbergo, anch’essi in mostra.  Il materiale espositivo sarà accompagnato da numerose foto in gran parte inedite. Nelle numerose bacheche verranno presentati i libri scritti dal grande intellettuale, articoli di giornale con le sue prime critiche e testi con appunti, osservazioni e correzioni stilati a mano da Dorfles. E poi inviti e cataloghi con particolare attenzione ai suoi rapporti con Trieste e gli artisti di origine giuliana e regionale da lui prediletti, tra cui Arturo Nathan, Miela Reina, Leonor Fini, Getulio Alviani e Bruno Chersicla. Completeranno la rassegna due postazioni video di approfondimento. L'inaugurazione si terrà venerdì 15 novembre alle 18.30 alla Biblioteca statale Stelio Crise e la vernice sarà arricchita da una performance di luce e musica creata da Accerboni con la partecipazione della violista Sara Zoto.

  • Chi è Michele Cucuzza: curiosità e vita privata del giornalista
    Notizie
    Style 24

    Chi è Michele Cucuzza: curiosità e vita privata del giornalista

    Michele Cucuzza. storico conduttore televisivo, è noto per trattare argomenti seri in un modo più leggero: scopriamo cosa fa oggi il giornalista.

  • Aurora Ramazzotti senza trucco, i fan: “Sei più bella”
    Notizie
    notizie.it

    Aurora Ramazzotti senza trucco, i fan: “Sei più bella”

    Aurora Ramazzotti irriconoscibile struccata in versione acqua e sapone: i commenti dei fan sui social rivolti alla figlia d'arte

  • Tromba d’aria a Porto Cesareo: barche trascinate al largo
    Notizie
    notizie.it

    Tromba d’aria a Porto Cesareo: barche trascinate al largo

    Una violenta tromba d'aria si è abbattuta su Porto Cesareo. Il sindaco: "La situazione è tragica. Chiederemo lo stato di calamità naturale"

  • Giornalisti aggrediti, definitiva condanna a 6 anni per Spada
    Notizie
    Askanews

    Giornalisti aggrediti, definitiva condanna a 6 anni per Spada

    Sentenza dei giudici della Cassazione

  • Incidente sull’autostrada A21, auto contro tir: morto il conducente
    Notizie
    notizie.it

    Incidente sull’autostrada A21, auto contro tir: morto il conducente

    Un uomo di 50 anni è morto in un incidente avvenuto nel pomeriggio del 13 novembre lungo l'autostrada A21. La sua auto ha impattato contro un tir.

  • Gratta e Vinci, la frode del barista sotto accusa
    Notizie
    notizie.it

    Gratta e Vinci, la frode del barista sotto accusa

    Capiva attraverso apposite apparecchiature della propria attività se il Gratta e Vinci era vincente o meno: ora il barista è indagato per truffa.

  • Cane dipinto di verde in Malesia, le proteste sui social network
    Notizie
    notizie.it

    Cane dipinto di verde in Malesia, le proteste sui social network

    È al momento in cura dai veterinari il cane dipinto di verde ritrovato mentre girovagava in un quartiere della città di Shah Alam, in Malesia.

  • Chiara Ferragni, sventura sull’aereo per New York: “Senza rispetto”
    Notizie
    Style 24

    Chiara Ferragni, sventura sull’aereo per New York: “Senza rispetto”

    Chiara Ferragni vittima dell'eccessiva attenzione di un fan sull'aereo per New York: "Senza rispetto" ha detto l'influencer nelle storie di Instagram.

  • Rissa al matrimonio finisce sui social: sposi fanno causa all’hotel
    Notizie
    notizie.it

    Rissa al matrimonio finisce sui social: sposi fanno causa all’hotel

    Una coppia di sposi ha dovuto assistere ad una rissa durante il ricevimento. Il video è finito sul web

  • Allerta alimentare: ordinato ritiro fagioli
    Notizie
    notizie.it

    Allerta alimentare: ordinato ritiro fagioli

    Il Ministero della Salute lancia una nuova allerta alimentare: a finire nel mirino, questa volta, un lotto di fagioli.

  • Incidente stradale a Bologna, auto si ribalta: finita in una scarpata
    Notizie
    notizie.it

    Incidente stradale a Bologna, auto si ribalta: finita in una scarpata

    Un uomo è rimasto ferito in un incidente stradale avvenuto a Monghidoro, in provincia di Bologna. L'auto su cui viaggiava è finita in una scarpata.

  • Cina, "vescovo sotterraneo braccato da polizia"
    Notizie
    Adnkronos

    Cina, "vescovo sotterraneo braccato da polizia"

    Mons. Vincenzo Guo Xijin, vescovo sotterraneo, ausiliare di Mindong (Fujian), "è braccato di continuo dalle forze della pubblica sicurezza che lo vuole costringere a firmare l’adesione all’ideale di una 'Chiesa indipendente', avendo in cambio il riconoscimento governativo". Il fatto viene denunciato da AsiaNews che spiega come "una 'Chiesa indipendente' e sottomessa al Partito comunista cinese è la condizione posta dal presidente Xi Jinping perché i cattolici possano vivere in Cina. Per i cattolici sotterranei, una Chiesa 'indipendente' è inaccettabile, dato che il Partito intende tale 'indipendenza' anche come distacco dalla Santa Sede e dalla Chiesa universale. Da mesi le autorità del Fujian esercitano pressioni, ricatti, minacce ai sacerdoti per spingerli a firmare tale adesione in cambio del riconoscimento governativo senza di cui viene loro vietato il ministero". L'agenzia diretta da padre Bernardo Cervellera ricorda che "dal 9 novembre scorso mons. Guo, 61 anni, è sotto la vigilanza di due guardie della pubblica sicurezza. Di continuo, varie personalità sono andate a trovarlo ogni giorno nella sua sede a Luojiang per convincerlo a firmare l’adesione alla politica del Partito che vuole anche che, dopo la firma, il vescovo partecipi a un incontro del clero 'indipendente' del Fujian, che si sta svolgendo a Xiamen. L’incontro dura fino al 15 novembre. Il progetto del Partito è di mostrare la sottomissione di mons. Guo per indebolire la resistenza dei sacerdoti sotterranei, che sono la maggioranza del clero della diocesi". Mons. Guo, spiega ancora AsiaNews, "però si rifiuta di andare a Xiamen. Ieri mattina è stato caricato su un’auto a forza per portarlo a Xiamen, ma per l’opposizione del vescovo, la polizia ha deciso poi di portarlo a Ningde per sottometterlo a nuovi convincimenti. Alla fine, in serata, è stato portato nella nuova curia del vescovo ufficiale, mons. Zhan Silu. Secondo fonti locali, la polizia “spera che Zhan lo convinca a firmare”.Questo pomeriggio, mons. Guo è scappato dalla curia di Ningde e ritornato a casa a Luojiang. I suoi fedeli sono sicuri che la polizia verrà ancora presto a cercarlo".