Fraccaro: intoccabili riforme M5s, no fiducia a prescindere

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 feb. (askanews) - "Ho rifiutato la prospettiva di incarichi di governo perché voglio tornare a fare politica senza vincoli dovuti a ruoli istituzionali. Ho avuto l'onore di servire il Paese ricoprendo delicate cariche di governo e contribuendo a riforme importanti come il superbonus al 100%, il taglio dei parlamentari e dei vitalizi, o ancora il piano da 2,5 miliardi di investimenti per i Comuni. Con questo governo il Movimento in Parlamento avrà un ruolo centrale nel dare un indirizzo politico. In quest'ottica preferisco fornire il mio contributo dai banchi della Camera". Lo afferma, in una intervista al Corriere della Sera, l'ex ministro dei rapporti con il Parlamento, il Cinquestelle Riccardo Fraccaro secondo il quale sono "intoccabili" tutte le riforme fatte dal M5s.

La fiducia del Movimento Cinquestelle al governo Draghi "non sarà a prescindere, l'esecutivo dovrà conquistarla giorno per giorno, sin dal primo discorso che il presidente Draghi terrà in Parlamento, e su ogni provvedimento. Comprendo gli umori che stanno emergendo in queste ore, ma durante la fase che stiamo attraversando è doveroso restare più uniti che mai per poter dettare l'agenda di governo. Il Movimento deve continuare ad esercitare un ruolo centrale in questa legislatura", "abbiamo sempre messo i temi al primo posto ma chiaramente il fatto che questo governo non sia a guida 5 Stelle ci impone di essere ancora più efficaci nell'azione parlamentare" e "non va dimenticato che in questo momento il Piano nazionale di ripresa e resilienza è in Parlamento e le Camere esprimeranno indirizzi vincolanti a cui il governo dovrà attenersi".

"A questo governo chiediamo di portare avanti il tema della sostenibilità, l'equità sociale, la difesa della legalità e dei beni comuni. Considero poi intoccabili tutte le riforme del M5S, che rappresentano conquiste di civiltà. Se si vuole parlare di miglioramenti, questi devono essere reali, non tagli mascherati" sottolinea. Se cade la prescrizione uscirete dal governo come ha detto Crimi? "Certo. Il Paese non può subire marce indietro rispetto alle conquiste fatte in questi anni, siamo al governo per compiere passi in avanti", conclude.