Fragilità ossea: "Il ruolo della vitamina D resta decisivo"

Come interpretare lo studio del New England Journal of Medicine