Frana di fango e detriti su strade Alta Vassassina: 80 evacuati

Alp

Milano, 7 ago. (askanews) - Sono 80 le persone complessivamente evacuate per la frana di fango e detriti che si è abbattuta in Alta Valsassina, in provincia di Lecco, in particolare sulle strade del piccolo Comune di Casargo. Lo ha riferito l'Azienda di emergenza urgenza della Lombardia (Areu), spiegando che 70 persone sono state portate nella locale scuola alberghiera, una coppia di anziani è stata ospitata nella casa di alcuni parenti, sette sfollati da Margno sono rientrati a Milano con mezzi propri, mentre un'altra persona soccorsa sulla Provinciale a Introbio ha rifiutato il ricovero.

Non risultano persone ferite né disperse mentre la Provinciale 67 è ancora chiusa all'altezza di Premana. Danni, disagi e grande preoccupazione anche nei vicini Comuni di Margno, Premana e Dervio. Da ieri in tutta la zona sono al lavoro i vigili del fuoco, la protezione civile, il Soccorso alpino, i vigili, la polzia e i carabinieri.

A scatenare la nuova inondazione di fango, sassi e alberi dopo quella di settimana scorsa, sono stati i ruscelli che dalla montagna scendono a valle, ingrossati dalle forti piogge. Il consistente distacco di terra sarebbe avvenuto sotto la zona del monte Muggio (a monte di quella che viene chiamata "Circonvallazione") e i detriti hanno investito e travolto diverse automobili che si trovavano in un parcheggio.

La "maxi-emergenza" è stata "chiusa" da Areu alle 23.35 di ieri ma sulla zona sono purtroppo previste nuove precipitazioni nelle prossime ore. A Casargo i soccorritori e i tecnici sono impegnati a fare il punto sui danni e sono al lavoro per liberare le strade, mentre sono iniziati i sopralluoghi per capire i danni subiti da strade (alcune risultano al momento impraticabili), abitazioni e esercizi commerciali.