Franceschini "20 mln per le sale cinematografiche e 100 per tax credit"

Redazione

ROMA (ITALPRESS) - Il Ministro per i beni e le attivita' culturali e per il turismo, Dario Franceschini, ha firmato questa mattina due decreti del valore complessivo di 120 milioni di euro per sostenere l'intera filiera cinematografica e audiovisiva italiana.

I provvedimenti, che potenziano il Fondo Cinema e rafforzano il sostegno pubblico a favore delle sale cinematografiche, sono un ulteriore utilizzo del "Fondo emergenza cinema e spettacolo" istituito con il Dl Cura Italia con una dotazione di 130 milioni di euro e elevato dal Dl Rilancio a 245 milioni di euro.

"Gli effetti dell'emergenza sanitaria hanno avuto ricadute significative su tutti i settori della cultura, a partire dall'industria cinematografica dove la prolungata chiusura delle sale e l'interruzione delle produzioni e dei set sta avendo effetti ancora profondi. L'intera filiera ha bisogno di ripartire e di nuovi investimenti. Questi due decreti, che seguono i diversi provvedimenti gia' messi in campo dal governo per tutelare lavoratori e imprese, sono un importante intervento per aiutare la ripresa". I 120 milioni di euro per il cinema e l'audiovisivo sono ripartiti in due decreti. Il primo, del valore di 100 milioni di euro, rafforza il "Fondo per il cinema e l'audiovisivo" previsto dalla legge Cinema del 2016 per finanziare gli investimenti delle imprese cinematografiche e audiovisive, dalla produzione alla distribuzione.

Il secondo decreto, del valore di 20 milioni di euro, potenzia le misure a sostegno delle sale cinematografiche previste per il 2020. In particolare, viene assegnato un contributo a fondo perduto di 10.000 euro a ciascuna sala cinematografica che fara' richiesta, a cui si sommera' un ulteriore contributo calcolato in misura proporzionale ai mancati incassi. A questi 20 milioni di euro se ne aggiungeranno presto altri 20 milioni non appena sara' approvato in Parlamento l'emendamento al DL rilancio, su cui il Mibact ha gia' dato parere favorevole, che prevede la destinazione delle risorse per il 2020 del Piano straordinario sale al Fondo cinema.

(ITALPRESS).

mgg/com