Franceschini: Art Bonus positivo, oltre 390 mln in donazioni -2-

Bla

Roma, 23 ott. (askanews) - "Vorrei che arrivasse in fretta il momento in cui una grande impresa italiana, che non investe nel patrimonio culturale, provi un senso di colpa o meglio di vergogna per non aver destinato una parte delle risorse e dei propri utili alla tutela del patrimonio culturale italiano", ha aggiunto il titolare del Mibact "perché quell'impresa vende 'Made in Italy' nel mondo grazie a secoli di saperi e grazie all'immagine della bellezza dell'arte e della cultura italiana".

Per Franceschii destinare risorse all'Art Bonus da parte delle imprese "deve diventare una parte insostituibile per la valutazione dell'impatto sociale del loro bilancio".